Infermiere e ausiliario picchiati in ospedale, OMCeO Caltanissetta: “Inasprire le pene contro gli aggressori”

logo-omceo-caltanissetta

giovanni-d-ippolito-presidente-omceo-caltanissetta

Dott. Giovanni D’Ippolito

Caltanissetta, 21 settembre 2019 – L’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Caltanissetta esprime solidarietà all’infermiere e all’operatore ausiliario del Pronto soccorso dell’ospedale “Vittorio Emanuele” di Gela, aggrediti venerdì sera da un giovane paziente poi sottoposto al trattamento sanitario obbligatorio.

“A nome personale e del consiglio direttivo manifesto vicinanza ai due operatori sanitari che durante il servizio sono stati oggetto di violenza fisica – dice il presidente OMCeO Caltanissetta, Giovanni D’Ippolito – Non è accettabile che i medici e il personale sanitario siano chiamati a difendere la propria vita, mentre la loro missione è curare e salvare la vita dei pazienti. Ecco perché, considerato il susseguirsi di episodi di violenza e il carattere d’urgenza della problematica, ribadiamo che occorre un decreto legge che preveda l’inasprimento delle pene e permetta la procedibilità d’ufficio contro i responsabili delle aggressioni nelle strutture ospedaliere e assistenziali”.

Per il presidente D’Ippolito, inoltre, “occorre una maggiore sensibilità culturale per ristabilire un clima di rispetto e fiducia tra medico e paziente. Per questo ci aspettiamo grande attenzione dalle istituzioni e più comprensione dai cittadini”.

Già da tempo l’OMCeO di Caltanissetta ha sensibilizzato le figure preposte sull’adozione di adeguate misure di tutela verso i medici e gli operatori sanitari che, con grande sacrificio e senso del dovere, operano negli ospedali e negli ambulatori del territorio.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>