Umberto Ricardi nuovo Direttore della Scuola di Medicina dell’Università di Torino

logo-universita-torino

prof-umberto-ricardi-uni-torino

Prof. Umberto Ricardi

Torino, 11 gennaio 2018 – Con 78 voti su 105 aventi diritto è stato eletto oggi il nuovo Direttore della Scuola di Medicina dell’Università di Torino, il prof. Umberto Ricardi, che resterà in carica fino al 30 settembre 2018.

Umberto Ricardi, nato a Torino, il 18/7/1961, è Professore Ordinario di Radioterapia presso il Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino e Direttore del Dipartimento di Oncologia dell’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino.

Dal 2005 svolge il ruolo di Direttore della Scuola di Specializzazione in Radioterapia dell’Università di Torino e dal 2002 il ruolo di Direttore della Struttura Complessa Radioterapia dell’Università di Torino.

Dal 1° novembre 2012 al febbraio 2017 ha svolto il ruolo di Presidente del Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia dell’Università di Torino.
Dal gennaio 2016 ricopre l’incarico di Vice Direttore Vicario della Scuola di Medicina di Torino.

Le principali aree di interesse scientifico e clinico-assistenziale riguardano l’oncologia toracica, l’oncoematologia, la neuroncologia e l’utilizzo delle tecniche avanzate di radioterapia (radiochirurgia, radioterapia sterotassica).

Relatore ad invito a congressi nazionali ed internazionali, ha al suo attivo circa 250 pubblicazioni. E’ attualmente membrio della Commissione ASN per il settore concorsuale 06/I1 Diagnostioca per Immagini, Radioterapia e Neuroradiologia.

Membro di numerose società scientifiche oncologiche, nazionali ed internazionali, è Presidente della Società Europea di Radioterapia ed Oncologia (ESTRO) per il prossimo biennio.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>