Prevenzione sismica, INGV partecipa al ForumPA 2019 per sensibilizzare cittadini e istituzioni

logo-INGV

terremoto-sismografo-mondo

Roma, 13 maggio 2019 – Nell’ambito delle attività di ForumPA 2019, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) sarà presente al Centro Congressi La Nuvola (Roma – E.U.R.) per sensibilizzare le istituzioni e i cittadini sul tema della prevenzione sismica.
Mercoledì 15 maggio, dalle 15.30 alle 17.00, l’appuntamento è al convegno “I Cantieri di Casa Italia”, nell’ambito del percorso Innovazione per la sostenibilità, realizzato in collaborazione con il Dipartimento Casa Italia della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

I “Cantieri di Casa Italia” nascono con l’obiettivo di attivare una sperimentazione di soluzioni antisismiche altamente innovative su edifici residenziali di proprietà pubblica: “buone pratiche” che si candidano a costituire un punto di riferimento per interventi di prevenzione sismica, pubblici e privati, estesi all’intero territorio nazionale.

Il ForumPA sarà anche l’occasione per un più ampio coinvolgimento sul tema della prevenzione delle istituzioni locali, delle associazioni della società civile, delle scuole e delle università del territorio, dei tecnici e della popolazione in generale.

Al convegno, Massimo Crescimbene, psicologo dell’INGV, tratterà il tema “Terremoti tra percezione e realtà” illustrando i risultati della indagine sulla percezione del rischio sismico, realizzata dall’INGV, su un campione statistico di oltre 4.000 italiani.
Contemporaneamente, sarà allestita una postazione dove il pubblico potrà compilare online il questionario sulla percezione del rischio sismico. Le risposte potranno essere commentate, a richiesta dei cittadini, dagli esperti dell’INGV presenti alla postazione.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>