Malattie del fegato, la gastroenterologia pisana al Congresso internazionale in India

logo-aou-pisana

rodolfo-sacco-e-rosmawati-mohammed

Rodolfo Sacco e Rosmawati Mohammed

Pisa, 13 aprile 2018 – In India, al Congresso internazionale di epatologia organizzato dall’Asian Pacific Association for the Study of Liver (APASL) tenutosi recentemente a New Delhi e che ha raccolto medici provenienti da tutto il mondo, anche l’Aou pisana era presente, in rappresentanza delle due Unità operative di Gastroenterologia (dirette rispettivamente dal dottor Giampaolo Bresci e dal prof. Santino Marchi).

All’evento scientifico ha partecipato infatti il dottor Rodolfo Sacco (nella foto, insieme alla professoressa Rosmawati Mohammed, tra gli organizzatori del congresso), invitato insieme a soli altri 3 relatori italiani. Il gastroenterologo pisano ha presentato, come coordinatore, due studi multicentrici italiani. In particolare uno ha riguardato l’elevata efficacia di una combinazione antivirale per il trattamento dell’epatite cronica C mentre l’altra ricerca ha valutato gli effetti, a lungo termine, in pazienti lungo sopravviventi a Sorafenib, farmaco di prima linea per il trattamento dell’epatocarcinoma in stadio avanzato.

Gli studi sono stati oggetto di confronto e di spunti di riflessione con medici di altri Paesi, con alcuni dei quali sono stati poi stabiliti contatti di collaborazione.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>