Giornata mondiale dell’udito, l’Audiologia dell’Aou di Ferrara in prima linea

logo-aou-ferrara

bambino-orecchio-dito

Ferrara, 1 marzo 2019 – Quando parliamo di sordità ci riferiamo ad un problema frequente che riduce notevolmente le abilità comunicative dell’individuo; per questo motivo, il 3 marzo 2019, si celebra la Giornata Mondiale dell’udito e dell’orecchio, evento promosso ogni anno dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per sensibilizzare l’opinione pubblica su come prevenire la sordità e la perdita dell’udito e promuovere le cure in tutto il mondo.

Anche l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara si schiera in prima linea per tutti i pazienti affetti da queste patologie attraverso il lavoro dell’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria/Audiologia, guidata dal prof. Stefano Pelucchi.

Questo Servizio si occupa della diagnostica e della terapia delle patologie dell’orecchio (esterno, medio e interno), dei disturbi dell’udito nell’infanzia e nell’adulto, delle turbe dell’equilibrio e dei disturbi di linguaggio correlati a deficit sensoriale uditivo. Inoltre il Servizio è anche centro di riferimento regionale di terzo livello a cui vengono pertanto inviati bambini con sospetto di sordità emersa dalle valutazioni di screening presso altri punti nascita della regione.

Di cosa si occupa il servizio di Audiologia
L’attività chirurgica dell’Audiologia comprende il trattamento delle patologie dell’orecchio medio, come otiti croniche e otosclerosi (patologia che si manifesta con un calo dell’udito che peggiora nel tempo e che può portare anche a sordità), delle sordità di grado medio-grave (protesi impiantabili) e delle sordità profonde (impianto cocleare). L’attività clinica è così articolata:

  • Visita audiologica standard: dedicata a persone di età superiore ai cinque anni e in grado di collaborare attivamente alle metodiche di esame. Fornisce una diagnosi di primo livello della sordità e delle malattie dell’orecchio.
  • Visita audiologica con studio dei potenziali evocati uditivi nell’adulto (ABR): studia la funzionalità delle vie nervose retrococleari nella diagnostica delle patologie del nervo acustico e del tronco-encefalico con metodiche non invasive.
  • Visita oto-neurologica: studio della funzionalità vestibolare (ovvero quella parte dell’orecchio interno deputata alla percezione dell’orientamento nello spazio e responsabile dell’equilibrio) in pazienti vertiginosi o con turbe dell’equilibrio, comprendente esame clinico e strumentale ed esecuzione di manovre liberatorie (esecuzione da parte del paziente, sotto la guida del medico, di specifici movimenti della testa e del corpo).
  • Visita audiologica pediatrica: viene effettuata nel caso vi sia un sospetto di ipoacusia infantile e/o disturbi del linguaggio correlati.
  • Visita otochirurgica e medicazioni post-intervento: valutazione delle otiti medie croniche catarrali, purulente, colesteatomatose e controllo del decorso post-operatorio.
  • Valutazione audiologica multi-disciplinare per il paziente candidato ad impianto cocleare (sia per bambini che per adulti), intervento chirurgico implantologico, attivazione dell’impianto e mappaggio, follow-up e rieducazione logopedica.

La sordità, in particolare quando si presenta nel bambino, se non diagnosticata e trattata tempestivamente è causa di disturbi dell’apprendimento e delle abilità comunicative, con conseguenti ritardi per lo sviluppo del linguaggio. Tutto questo comporta un grave danno non solo alle potenzialità dell’individuo, ma anche all’inserimento scolastico e lavorativo. Nell’adulto, inoltre, può determinare isolamento, depressione e peggioramento della qualità della vita.

L’importanza di questo aspetto è sottolineata anche dalle normative regionali che prevedono l’esecuzione di uno screening neonatale universale per la funzione uditiva (eseguito su tutti i nati) che è coordinato, ormai da alcuni anni, per la provincia di Ferrara, dal servizio di Audiologia del Sant’Anna.

Lo screening uditivo viene fatto su tutti i nuovi nati attraverso lo studio delle otoemissioni acustiche (suoni generati da alcune cellule interne all’orecchio in risposta a uno stimolo sonoro). I bambini che dovessero presentare problematiche durante lo screening verranno indirizzati presso il Servizio di Audiologia per gli accertamenti clinici del caso (re-test o test audiologici più approfonditi).

Qualche dato
Ogni anno presso l’Unità Operativa di Otorinolaringoiatria/Audiologia vengono eseguiti non solo numerosi interventi per la terapia della patologia flogistica (infiammatoria) dell’orecchio medio, ma anche circa 40 interventi all’anno per il posizionamento di impianti cocleari sia nei bambini che sugli adulti provenienti dalla Regione Emilia-Romagna e dal resto d’Italia. A questo proposito occorre sottolineare che negli ultimi anni, nei bambini, viene proposto ed effettuato l’impianto cocleare bilaterale simultaneo.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>