Gestione del traffico aereo, ecco i droni con sensori innovativi per una sicurezza maggiore

logo-enea

droni-progetto-rpasinair-enea

Roma, 22 luglio 2019 – Sensori innovativi montati su droni, satelliti e torri di controllo per la sicurezza dello spazio aereo abbinati a modelli previsionali della qualità dell’aria. È quanto realizzerà il progetto RPASinAir finanziato con 8 milioni di euro dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, che coinvolge ENEA nell’ambito del Distretto Tecnologico Aerospaziale di Brindisi (capofila).

I dati raccolti dai sensori sui droni serviranno a sviluppare un sistema di gestione del traffico aereo in grado di individuare elementi di rischio e sollecitare le opportune procedure di prevenzione, mitigazione e gestione delle emergenze (alluvioni, slavine, terremoti o incidenti industriali). I test saranno realizzati nell’aeroporto di Grottaglie (Taranto) che diventerà un vero e proprio laboratorio per la simulazione delle operazioni prima della loro sperimentazione nello spazio aereo.

“L’esperienza pluriennale nel campo della sensoristica ambientale avanzata del Centro Ricerche ENEA di Brindisi abbinata a quella nella modellistica previsionale della qualità dell’aria del Centro Ricerche ENEA di Bologna consentiranno di sviluppare sensori terrestri e droni per il controllo della qualità dell’aria esterna, ma anche indoor per lo studio dei carichi di lavoro degli operatori aeroportuali in situazioni di stress”, commenta Michele Penza, referente ENEA per il progetto.

Grazie al sistema modellistico previsionale con una risoluzione di 1 km, i ricercatori dell’ENEA saranno anche in grado di simulare la qualità dell’aria durante le campagne sperimentali e, con ulteriori modelli, di effettuare la caratterizzazione dei venti del sito aeroportuale di Grottaglie.

“Coinvolgendo l’intero sistema di ricerca pubblico-privato pugliese e nazionale, il progetto RPASinAir permetterà di attrarre nuove iniziative di ricerca & sviluppo e investimenti industriali, valorizzando la mission affidata all’aeroporto di Grottaglie come luogo di sperimentazione dei Sistemi Aeromobili e Pilotaggio Remoto (SAPR) e primo Spazioporto Europeo e rafforzando la capacità innovativa dell’intero sistema aerospaziale nazionale, con trend in crescita per posizionamento sui mercati internazionali e ricadute occupazionali”, conclude Penza.

Oltre all’ENEA, partecipano al progetto CNR, INFN, Università e Politecnico di Bari, Università di Enna e aziende leader del settore aerospaziale quali Leonardo, Vitrociset, Telespazio, Planetek, Enginsoft, ENAV e Aeroporti di Puglia.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>