Al via al Sant’Orsola i percorsi per le stabilizzazioni previste dal Decreto Madia

loghi-sant'orsola

Il 16 febbraio è uscito un avviso per l’assunzione a tempo indeterminato del personale precario da almeno 3 anni che abbia svolto almeno parte del servizio al Policlinico

marianna-madia-2

On. Marianna Madia

Bologna, 19 febbraio 2018 – Al via anche al Sant’Orsola i percorsi per stabilizzare i precari previsti dal Decreto Madia. Il 16 febbraio è uscito infatti un apposito avviso per la procedura di stabilizzazione del personale precario da almeno 3 anni, che abbia svolto anche una sola parte del servizio presso il Policlinico Sant’Orsola.

L’argomento era stato oggetto di una trattante sindacale l’8 febbraio scorso e, a seguito degli impegni assunti in quella sede, la direzione ha inviato alle organizzazioni sindacali i relativi dati richiesti.

Questo primo avviso riguarderà il personale sanitario che ha avuto contratti a tempo determinato. A seguire ci sarà analogo percorso per gli atipici. Le procedure di stabilizzazione si svolgeranno tempestivamente nel rispetto dei requisiti necessari stabiliti dallo stesso Decreto Madia.

Nel corso del 2017 le stabilizzazioni già avviate – a prescindere dal Decreto Madia – avevano portato a 231 le unità complessive in più assunte a tempo indeterminato rispetto al 31 dicembre 2016 (da 4.450 a 4.681).

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>