Sclerosi Multipla, un team multidisciplinare all’ospedale San Donato di Arezzo

logo-azienda-usl-toscana-sud-est-arezzo

dott-sauro-severi-osp-san-donato-arezzo

Dott. Sauro Severi

Arezzo, 18 gennaio 2018 – Un team multidisciplinare formato da 20 specialisti ospedalieri; 450 pazienti; la stretta collaborazione con l’AISM. Sono alcune delle caratteristiche del Centro Sclerosi Multipla dell’ospedale San Donato di Arezzo, fondato nel 1995 e diretto dal 2010 da Sauro Severi.

Un Centro che è diventato negli anni punto di riferimento importante per le famiglie, anche perché l’incidenza della Sclerosi Multipla nel territorio aretino è purtroppo elevata.

“In base ai dati e agli studi, la provincia di Arezzo dovrebbe avere circa 400 malati, invece siamo quasi al doppio – spiega Severi – La maggior parte sono donne, circa il 70%, e la malattia inizia in età giovane, in particolare tra i 20 e i 40 anni. Non mancano i casi di bambini”.

Il Centro Sclerosi Multipla si distingue per essere un centro di II livello, quindi autorizzato a somministrare qualsiasi tipo di farmaco, anche ‘compassionevole’, modalità con la quale le aziende possono fornire i medicinali prima che ne venga approvata la commercializzazione, in modo da poter anticipare i tempi di cura.

Nel Centro è possibile eseguire qualsiasi esame necessario alla diagnosi e al follow-up della malattia (risonanza magnetica, potenziali evocati, puntura lombare per studio liquorale, screening ematologici, diagnostica differenziale), oltre che iniziare un percorso di tipo riabilitativo.
Punto di forza del Centro è il team multi-disciplinare, che rappresenta una vera e propria eccellenza ed è quasi unico nel panorama italiano.

“Fino a qualche anno fa il team era formato da 6 specialisti ma siamo riusciti ad incrementarlo fino a 20 in modo da avere un riferimento specialistico completo e importante per i nostri malati – continua Severi – Tra l’altro sono in corso i lavori per ampliare il Centro: avremo sei posti letto e non più tre. Questo ci consentirà di sottoporre contemporaneamente più malati alle terapie, con due turni: dalle 8.00 alle 11.00 e dalle 11.00 alle 14.00, oltre che ad allungare l’attività fino al pomeriggio”.

Severi ha anche ricordato l’importante ruolo svolto dall’AISM.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>