Progetto “Un minuto per la vita”, all’Aou di Sassari screening cardiologico gratuito nei bambini

bambina-cuore

Sassari, 6 novembre 2019 – Arriveranno negli ambulatori di Cardiologia pediatrica venerdì mattina (8 novembre), alle ore 9.00, i primi bambini delle scuole primarie di Sassari che hanno aderito al progetto “Un minuto per la vita”. Prende così il via il progetto che ha l’obiettivo di individuare eventuali patologie che costituiscono un fattore di rischio per morte improvvisa. Il progetto, inoltre, mira a individuare eventuali cardiopatie congenite e, se necessario, avviare i piccoli pazienti a ulteriori accertamenti.

Saranno 19 i piccoli alunni della Primaria di Li Punti che venerdì, accompagnati dalle loro insegnanti, arriveranno all’ingresso della palazzina Materno infantile con lo scuolabus messo a disposizione dall’Atp. Ad accoglierli ci sarà il personale medico e infermieristico della Cardiologia pediatrica.

Il progetto prevede una visita cardiologica e un Ecg ai bambini delle sole prime classi delle scuole primarie. E così, tutti i venerdì, sino a maggio, per un giorno a settimana i medici della struttura diretta da Mario Pala saranno impegnati nello screening di una-due classi per volta, a seconda del numero dei bambini. Il progetto prevede il controllo di circa 1.000 alunni di 44 prime elementari dei 9 istituti comprensivi della città.

L’iniziativa nasce dalla volontà di prevenire la morte cardiaca improvvisa che, al giorno d’oggi, rappresenta circa il 45 per cento delle morti di origine cardiovascolare. Si tratta di una prima e importante esperienza, perché può considerarsi un vero e proprio screening di massa che, in Sardegna, non è mai stato fatto su bambini in tenera età.

Il progetto vede coinvolte la Cardiologia pediatrica, il Comune di Sassari, l’Atp e la Fondazione di Sardegna.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>