La scomparsa del prof. Virgilio Facchini, il cordoglio dell’AOU pisana

logo-aou-pisana

prof-virgilio-facchini-aou-pisa

Prof. Virgilio Facchini

Pisa, 22 agosto 2016 – L’Azienda ospedaliero-universitaria pisana si stringe con affetto alla famiglia del prof. Virgilio Facchini, scomparso nella giornata di ieri dopo una lunga malattia, esprimendo il più sentito cordoglio per la perdita di una figura importante per l’Ostetricia e la Ginecologia pisana.

Come infatti riportano oggi anche gli organi di stampa locali, il prof. Facchini ha fatto nascere intere generazioni di pisani raccogliendo l’eredità del prof. Piero Fioretti e guidando, a partire dai primi anni ‘90, l’équipe dell’Unità operativa di Ostetricia e ginecologia 2 ospedaliera e, negli ultimi anni, anche il Dipartimento materno infantile prima di essere collocato a riposo nel 2007. Grande ostetrico dotato di abilità tecniche veramente notevoli, aveva una lunga e consolidata esperienza nella chirurgia oncologica e nelle gravidanze a rischio, rappresentando un punto di riferimento per le pazienti anche da fuori Toscana. Importante anche la sua carriera universitaria – era docente di Ostetricia e Ginecologia all’Università di Pisa – è stato autore di numerosi lavori scientifici nel settore della ginecologia oncologica.

Imponente nella figura e nel portamento, apparentemente burbero, era invece un ‘gigante buono’, come lo definiscono i suoi ex allievi e colleghi, dotato di una grande umanità e generosità, testimoniata dalle tante iniziative benefiche a favore dei più sfortunati che tutta la città ricorda. E possedeva anche una grande autoironia, riuscendo sempre a sdrammatizzare, anche nelle situazioni cliniche più delicate, e ad alleviare i carichi di lavoro del suo staff con le sue battute, portando una parola di conforto alle sue pazienti che, talvolta inizialmente impressionate dalla sua mole, gli riconoscevano al contrario una delicatezza professionale e una sensibilità non comuni.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *