Giornata Mondiale della Salute Mentale, diagnosi del disagio psichico nelle donne al Policlinico Gemelli

logo-gemelli-cattolica

medico-paziente

Roma, 9 ottobre 2018 – In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, che si celebra domani, mercoledì 10 ottobre, la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS dedica una giornata alle sofferenze mentali al femminile.

Per l’intero giorno la hall del Policlinico Gemelli diventa un luogo di incontro, di ascolto, di riflessione e di informazione su un tema spesso nascosto, ma che riguarda molte donne: quasi 1 su 4 (24%) è a rischio di soffrire di un disagio psichico nel corso della vita, le donne hanno una probabilità quasi tre volte maggiore rispetto agli uomini di soffrire di un disturbo mentale ed esistono disturbi mentali di fatto esclusivamente femminili o quasi.

All’iniziativa interamente dedicata alla donna partecipano specialisti dell’Istituto di Psichiatria dell’Università Cattolica, sede di Roma, e della UOC di Psichiatria della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e medici di varie specialità del Policlinico, oltre che psicologici, psicoanalisti, scrittori, registi, musicisti, attori, stilisti e giornalisti che sostengono il progetto con la loro presenza, tra cui il conduttore televisivo Marco Liorni, Nunzia De Girolamo già Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, lo scrittore e regista Federico Moccia, le attrici Tiziana Foschi, Laura De Marchis e Laura Schettino.

Con questo evento la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS partecipa al Progetto H-Open Day della Salute Mentale “Conosci, previeni, cura” promosso da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>