Ernie addominali, nuove possibilità offerte dalla ricerca. Seminario all’Università Federico II

Napoli, 3 dicembre 2019 – Il Centro di Eccellenza per l’Innovazione tecnologica in chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, diretto dal professor Giovanni De Palma, in collaborazione con la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, diretta dal professor Francesco Milone, organizza seminari di aggiornamento in Chirurgia generale rivolti agli assistenti in formazione e ai chirurghi dell’Azienda Universitaria Policlinico, invitando esperti di chiara fama, chirurghi tra i migliori d’Italia.

Il prossimo 4 dicembre protagonista del seminario dedicato al trattamento delle ernie della parete addominale, chirurgia in costante evoluzione anche per le continue evoluzioni tecnologiche offerte al chirurgo, sarà il professor Giampiero Campanelli, Professore Ordinario e Responsabile dell’UO di Chirurgia generale sezione Day & Week Surgery all’Istituto Clinico Sant’Ambrogio di Milano e Direttore dell’Hernia Center di Milano, che è un Centro di ricerca di alta specializzazione sulle patologie della parete addominale e sulla chirurgia riparativa.

Il professor Campanelli è un professionista riconosciuto a livello internazionale, formatosi all’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha al suo attivo oltre 9.000 interventi di chirurgia generale e vascolare, di cui circa 8.000 nel campo della chirurgia della parete addominale. Al termine del seminario è previsto un dibattito per approfondire le tematiche dell’incontro e le nuove possibilità offerte dalla ricerca.

L’organizzazione dei seminari si deve in particolare all’impegno e alle collaborazioni cliniche e scientifiche con i migliori centri italiani del professor Marco Milone, col sostegno del professor Francesco Maione.
L’incontro è alle ore 15.00.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *