Elettrodomestici, al via progetto europeo per il rispetto degli standard Ue

logo-enea

elettrodomestici

Roma, 3 agosto 2019 – Al via il progetto europeo EEPLIANT3 per garantire che i prodotti elettrici introdotti sul mercato rispettino la normativa in materia di etichettatura ed ecodesign. L’obiettivo generale è quello di tutelare i consumatori e rafforzare la loro fiducia nelle politiche Ue sull’efficienza energetica.

Finanziato dal programma Horizon 2020, il progetto EEPLIANT3 (Energy Efficiency Compliant Products 3) coinvolge 28 partner di 21 Paesi e vede per l’Italia la partecipazione di ENEA e Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi.

“Il numero di prodotti coperti da requisiti di progettazione ecocompatibile e di etichettatura energetica è praticamente raddoppiato negli ultimi sei anni tanto che, rispetto ai due precedenti progetti EEPLIANT, è stata allargata la platea degli apparecchi da monitorare per assicurare la loro conformità alla legislazione europea, con l’inclusione anche di condizionatori e ventilatori”, sottolinea la ricercatrice ENEA Milena Presutto.

I ricercatori ENEA saranno impegnati nella realizzazione di centri di eccellenza per le verifiche dei prodotti, in particolare di condizionatori d’aria, ventilatori, asciugabiancheria per uso domestico e illuminazione.

Per il raggiungimento degli obiettivi EEPLIANT3 si propone di coordinare le attività di monitoraggio e verifica attraverso lo sviluppo di nuovi strumenti informatici e potenziare conoscenza e competenza delle autorità nazionali nelle azioni di sorveglianza del mercato anche con il coinvolgimento dei gruppi di lavoro ADCO Etichettatura ed Ecodesign e delle associazioni dei produttori e dei consumatori.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *