Ecocardiografi di ultima generazione per diagnostica innovativa al Centro cardiologico dell’IRCCS San Raffaele Pisana

logo-irccs-san-raffaele-pisana

elettrocardiogramma-cuore-verde

Roma, 7 ottobre 2019 – Diventa sempre più preciso lo studio del cuore e delle sue valvole grazie a ecocardiografi di nuova generazione che entrano a far parte del parco strumenti per la diagnostica innovativa dell’IRCCS San Raffaele Pisana.

L’istituto si è dotato di una nuova tipologia di ecocardiografia che consente di avere immagini ad altissima definizione del cuore, segmento per segmento, che permettono di superare le numerose difficoltà di acquisizione. L’immagine del ventricolo che viene ricostruita è tridimensionale e permette tra l’altro la ricostruzione virtuale, con un alto livello di precisione delle valvole cardiache, identificando e rendendo visibili con maggiore precisione eventuali problemi che potrebbero rendere necessario un intervento chirurgico.

Gli esami che vengono effettuati sono: l’ecocardiografia transtoracica con l’utilizzo dei software 3D per l’analisi volumetrica e di funzione delle camere cardiache, l’analisi della deformazione e della velocità di deformazione delle camere cardiache; l’ecocardiogramma transesofageo con l’utilizzo del software 3D per l’analisi tridimensionale delle valvole cardiache.

“Grazie alla tecnica Speckle Tracking, che si basa sul riconoscimento di gruppi di pixel all’interno della parete miocardica, possiamo avere informazioni molto accurate sulla motilità della parete cardiaca – spiega il prof. Maurizio Volterrani, responsabile del Centro Cardiologico dell’IRCCS San Raffaele Roma – l’analisi volumetrica tridimensionale è la tecnica che ci permette di valutare gli indici di funzionalità ed i rispettivi volumi della camera cardiaca desiderata. L’ecocardiografo è dotato anche di un software di ultima generazione che permette la valutazione dettagliata delle valvole cardiache durante l’esame transesofageo”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *