Comparto Sanità per il triennio 2016-2018, firmato il CCNL del personale

logo-fsi-usae-def

adamo-bonazzi

Dott. Adamo Bonazzi

Roma, 11 luglio 2019 – Aran ed OO.SS. hanno sottoscritto definitivamente oggi il contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto Sanità, sezione del personale del ruolo della ricerca sanitaria e delle attività di supporto alla ricerca sanitaria per il triennio 2016-2018.

La firma odierna, con cui sono state apportate alcune modifiche richieste dal Governo in fase autorizzativa nell’iter di verifica e controllo della compatibilità economico-finanziaria, fa seguito alla sottoscrizione dell’ipotesi del 27.12.2018 e costituisce quindi un risultato importante poiché da immediata efficacia operativa alle norme contenute e consolida l’attuazione della riforma prevista dall’art. 1, commi da 422 a 434, della legge n. 205/2017 (legge di bilancio per il 2018) e l’assunzione del relativo personale negli Istituti di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico e negli Istituti Zooprofilattici Sperimentali.

Il Contratto odierno, inoltre, ha definito i nuovi profili professionali di ricercatore sanitario e di  collaboratore professionale di ricerca sanitaria, disciplinandone altresì alcuni aspetti del rapporto di lavoro per il personale appartenente ai due profili (tenendo conto delle relative specificità) e stabilito, per ciascuno dei due profili, tre posizioni retributive: iniziale, intermedia ed elevata.

La sottoscrizione odierna è stata anche l’occasione per la formale presa d’atto, da parte dell’agenzia Aran, della univoca titolarità della rappresentanza FSI, ora FSI-USAE, in capo al Segretario Generale Adamo Bonazzi, con la rinuncia ad ogni pretesa e rivendicazione da parte degli avversari in ordine alle relative prerogative.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>