Codice rosso in pediatria e Autismo. Se ne parla al Policlinico Umberto I di Roma

logo-policlinico-umberto-I-def

Roma, 16 ottobre 2015 – I medici del Policlinico Umberto I di Roma vi invitano a due eventi interessanti: il primo domani, sabato 17 ottobre, dalle ore 8.30, presso l’aula magna della Clinica Pediatrica dove si affrontano i problemi legati alla gestione del bambino con emergenze neurologiche; l’altro, lunedì 19 ottobre, dalle ore 9.00 che proseguirà anche nella giornata di martedì, presso l’aula magna della “Sapienza, Università di Roma”, dove i vari aspetti del Disturbo dello Spettro Autistico verranno dibattuti e analizzati anche con i rappresentanti delle associazioni dei genitori.

Il Corso Codice Rosso in Pediatria è il terzo modulo dei quattro in programmazione e si propone l’acquisizione di conoscenze utili per la gestione del bambino affetto da patologie acute di interesse medico.

Sono 100mila i bambini e gli adolescenti che in Italia sono affetti da autismo. Nell’Istituto di Neuropsichiatria Infantile, di via dei Sabelli, vengono diagnosticati oltre 200 nuovi casi all’anno e sono seguiti in follow oltre 300 bambini e ragazzi affetti da disturbo dello spettro dell’autismo. “Cogliere precocemente i segnali di un possibile problema e giungere a una diagnosi tra il primo e secondo anno di vita nei casi più conclamati ed entro i 5 anni nei casi più lievi, è molto importante” per la dott.ssa Carla Sogos, che dirige il Centro per i “Disturbi dello Spettro Autistico” del Policlinico Umberto I di Roma.

Intanto, continua fino alle 17.00 e con successo l’open day di reumatologia; infatti sono già molti i pazienti che sono sottoposti a visita medica gratuita presso il Centro di Reumatologia del Policlinico, piano -1; per info 06.82076499.

Di seguito il programma del Corso Codice Rosso in Pediatria: Programma_Codice Rosso_13 giugno 2015

Di seguito il programma dell’evento sull’Autismo: Pieghevole_Autismo

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *