Vaccini, prof. Aiuti: “Salvini si addentra su un tema pericoloso di cui non ha alcuna competenza”

logo-simedet

La posizione del Presidente del Comitato Scientifico della Simedet, Prof. Emerito Fernando Aiuti – immunologo e studioso dell’HIV di fama internazionale – sulle dichiarazioni del Ministro Salvini rispetto al decreto sui vaccini

prof-fernando-aiuti

Prof. Fernando Aiuti

Roma, 25 giugno 2018 – Tutta la letteratura scientifica internazionale, l’OMS. i Ministeri dei principali governi del mondo praticano nei bambini le vaccinazioni multiple. La storia insegna che i vaccini hanno eliminato alcune malattie (vaiolo), hanno ridotto del 90 % numerose malattie infettive gravissime per la vita e per gli esiti che lasciano nei pazienti non vaccinati. Il rischio-beneficio tra vaccini e malattia è migliaia di volte inferiore con i vaccini rispetto alle malattie infettive.

Salvini si addentra su un tema pericoloso di cui non ha nessuna esperienza e competenza, si affida a pareri di persone che non hanno alcun ruolo nel SNN (un medico radiato dall’Ordine), né nel mondo accademico e cosa ancora più grave non sente il parere degli scienziati, del Consiglio Superiore di Sanità ,dei professori universitari e ospedalieri esperti del settore.

Mi complimento e condivido le dichiarazioni della ministra della Salute Giulia Grillo che rivendica il suo ruolo e che dichiara che le valutazioni scientifiche non competono alla politica.

Forse in questo periodo Salvini ha il delirio dell’onnipotenza e si sente tuttologo. Oggi ha fatto un grosso errore che pagherà caro in termini politici ma anche dal punto di vista economico perché le malattie costano allo Stato (noi) molto più dei vaccini.

Il Presidente del Comitato Scientifico SIMEDET
Prof. Fernando Aiuti

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>