Una rete di supporto per i dipendenti della Città della Salute di Torino

logo A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino

Torino, 30 gennaio 2015 – In un momento storico contraddistinto dalla crisi e da una congiuntura economica che si ripercuote anche sull’aspetto psicologico e familiare delle persone, dalla prossima settimana partirà, su iniziativa del direttore generale avvocato Gian Paolo Zanetta, una rete di supporto per i circa 11.000 dipendenti della Città della Salute e della Scienza di Torino per garantire un miglioramento ed un consolidamento del benessere psico-fisico dei dipendenti della più grande Azienda Ospedaliera d’Europa, sicuramente una città nella città ed un microcosmo della nostra società.

La rete verrà attivata dal 2 febbraio, fuori dall’orario di servizio, con garanzia di presa in carico immediata da parte dei singoli sportelli che comporranno la rete stessa.

Il primo orientamento sarà coordinato dal dottor Fabrizio Meliga (direttore del Rischio occupazionale ospedaliero) e dalla dottoressa Lia Di Marco (direttore URP). Saranno numerosi gli sportelli di supporto: quello psicologico sotto la Medicina del Lavoro che da sempre si occupa dei rischi occupazionali ospedalieri, uno sportello economico gestito dall’URP per aiutare i dipendenti con difficoltà economiche in accordo con la Fondazione anti-usura della CRT, un gruppo dedicato alla mediazione di conflitto, un percorso formativo permanente che si occupi anche di postura ed ergonomia, uno sportello emozionale e cognitivo per le malattie psico-somatiche ed altri.

Verrà creato un gruppo di lavoro finalizzato al funzionamento della rete stessa. Verrà distribuito ai dipendenti un questionario online per il rilevamento di infortuni, malattie e disagi con un successivo focus analitico aziendale. Infine verranno programmati eventi formativi permanenti per il benessere psico-fisico, la gestione dei conflitti, la prevenzione dello stress lavoro correlato, la valutazione emozionale e cognitiva, la motivazione, l’ergonomia posturale e l’educazione alimentare.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *