Tumori cerebrali, installata nuova Gamma Knife all’ospedale Cannizzaro

logo-ospedale-cannizzaro

gamma-knife-cannizzaro

Catania, 30 aprile 2018 – Migliorano le possibilità di trattare in Sicilia tumori cerebrali e altre patologie non oncologiche. L’Azienda Cannizzaro di Catania ha infatti aggiornato la Gamma Knife in dotazione installando, primo ospedale pubblico in Italia, il più recente modello Icon di Elekta, “gold standard” internazionale presente solo in 50 centri al mondo (tra cui una struttura privata convenzionata della Lombardia).

La tecnologia Gamma Knife è una forma speciale di radioterapia che utilizza un sistema multisorgente per somministrare raggi gamma con estrema precisione e consente così di colpire, con un’elevata dose di radiazioni, lesioni cerebrali di dimensioni ridotte, tumorali e non, in alternativa in determinati casi all’intervento chirurgico.

L’ultima evoluzione è rappresentata dal modello Icon, che permette di utilizzare, oltre al casco di Leksell, anche una maschera termoplastica che rende la terapia meno invasiva, amplia le possibilità di trattamento, grazie al sistema Cone Beam Ct integrato e all’Adaptive Dose Control, e consente di eseguire trattamenti in più sedute.

La nuova Gamma Knife dell’ospedale Cannizzaro di Catania sarà inaugurata mercoledì prossimo, 2 maggio. All’incontro di presentazione, alle ore 10.00 nel Centro Congressi, interverranno tra gli altri il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci; il sindaco di Catania, Enzo Bianco; l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

I lavori saranno aperti dal direttore generale dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro, Angelo Pellicanò, che nell’occasione porgerà un saluto a conclusione del suo mandato.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *