Tumore al seno, la prevenzione viaggia in treno. Parte il Frecciarosa 2018

loghi-fs-incontro-donna-onlus-ministero-salute

frecciarosa-2018

Roma, 2 ottobre 2018 – Arriva l’ottava edizione di Frecciarosa nel mese di ottobre dedicato alla prevenzione del tumore del seno e alla cultura della prevenzione. Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e IncontraDonna onlus, con il patrocinio del Ministero della Salute e la partecipazione di Farmindustria, si tingono di rosa viaggiando sui convogli di Trenitalia.

L’iniziativa Frecciarosa 2018 è stata presentata ieri a Roma da Armando Bartolazzi Sottosegretario del Ministero della Salute, Adriana Bonifacino Presidente di IncontraDonna Onlus, Sabrina De Filippis Divisione passeggeri long haul di Trenitalia, Enrica Giorgetti Direttore Generale di Farmindustria, e Fabrizio Nicolis Presidente della Fondazione Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Testimonial Cesare Bocci e Carolyn Smith. Moderatrice la giornalista Silvia Mari.

Dal 2 al 31 ottobre a bordo dei treni Frecce, InterCity e Regionali, medici e volontari di IncontraDonna offriranno gratuitamente visite, consulenze, ecografie e materiale informativo riguardo il tumore del seno, con uno sguardo alla salute di tutta la collettività.

Combattere il tumore al seno, promuovere corretti stili di vita e sensibilizzare donne e uomini alla cultura della prevenzione: questo è Frecciarosa 2018. Attività volte alla prevenzione si svolgeranno anche nelle sale di Trenitalia dedicate ai viaggiatori di Roma Termini, Milano Centrale, Torino Porta Susa, Verona Porta Nuova e Salerno.

carolyn-smith-e-cesare-bocci-frecciarosa-2018

Questa edizione dedicherà maggiore attenzione alle persone che viaggiano sui treni regionali e al Sud Italia. Per la prima volta, infatti, Frecciarosa arriva in Sardegna sui convogli regionali con visite, ecografie e consulenze, sugli InterCity in Sicilia, sui Frecciargento da e per la Puglia, e Frecciabianca per Reggio Calabria. Sarà distribuito gratuitamente un prezioso Vademecum della Salute, ricco di indicazioni per la salute delle donne e per la famiglia.

Le ultime sette edizioni del Frecciarosa hanno registrato un importante successo: più di 1.500 consulenze a bordo treno e in stazione, circa 3mila visite senologiche gratuite effettuate e oltre 600mila Vademecum della Salute distribuiti. Oltre 8 milioni di viaggiatori Trenitalia in totale intercettati dall’iniziativa.

“Anche un viaggio in treno può essere una buona occasione per riflettere sulla nostra salute – ha evidenziato Giulia Grillo, Ministro della Salute – In quest’ottica abbiamo voluto realizzare con l’Associazione IncontraDonna Onlus e FS Italiane il Vademecum della Salute, che sarà distribuito ai passeggeri dei convogli Trenitalia per promuovere la cultura dell’adozione di corretti stili di vita e dell’adesione ai programmi di screening quali strumenti principali di prevenzione. Vogliamo così aggiungere un piccolo, ma utile tassello alla consapevolezza e all’informazione sul modo più semplice per ridurre i rischi di sviluppare tante patologie. Basta poco per correggere cattive abitudini che hanno però impatti devastanti sulla salute soprattutto se perpetuate per lungo tempo. Semplicemente adottando comportamenti salutari, a partire da un’alimentazione corretta, ricca di frutta e verdura e povera di grassi, impegnarsi a svolgere quotidianamente attività fisica, non fumare (o cercare di smettere) e non eccedere con l’alcol. Vogliamo anche sensibilizzare sul fatto che aderire ai controlli di screening offerti dal Servizio Sanitario Nazionale significa migliorare la durata e la qualità della nostra vita. Le diagnosi precoci, infatti, consentono di intervenire sulle malattie quando sono ancora in fase iniziale e quindi le possibilità di cura e guarigione sono più alte. L’iniziativa Frecciarosa consente di raggiungere tanti cittadini di tutte le età. Ogni giorno è buono per iniziare a prendersi cura di sé e delle persone che amiamo”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *