Tubercolosi, nuovo farmaco per le forme più difficili da trattare. MSF: “Sia accessibile a tutti”. GUARDA IL VIDEO

logo-medici-senza-frontiere

tubercolosi-msf

Roma, 19 agosto 2019 – Medici Senza Frontiere (MSF) accoglie con favore l’approvazione da parte della Food and Drug Administration americana (FDA) di un regime farmacologico per il trattamento della XDR-TB, la forma di tubercolosi con resistenza estesa ai farmaci, che contiene il nuovo farmaco pretomanid. Si tratta del terzo nuovo farmaco sviluppato per la tubercolosi in oltre mezzo secolo, il primo a essere sviluppato come parte di un regime di trattamento pronto all’uso. La sua approvazione rappresenta un importante strumento per affrontare le forme di TB resistenti ai farmaci più difficili da trattare, ma a patto che il costo del farmaco sia alla portata di tutti coloro che ne hanno bisogno, avverte MSF.

Il regime combinato di tre farmaci (BPaL: bedaquilina + pretomanid + linezolid ad alte dosi) è stato approvato per pazienti adulti con XDR-TB, intolleranti al trattamento, o per le forme di TB polmonare multi-resistenti che non rispondono ai farmaci. Il nuovo regime potrebbe ridurre drasticamente la durata del trattamento a sei mesi, ridurre notevolmente il numero di pillole richieste e contribuire a migliorare i tassi di guarigione dell’XDR-TB dalla preoccupante percentuale del 34%.

Se il nuovo ciclo di trattamento sarà più breve e più semplice da somministrare, l’ottimismo attorno al BPaL deve comunque considerare la necessità di un monitoraggio costante degli effetti collaterali delle alte dosi di linezolid richieste.
Sono in corso studi clinici separati condotti da MSF e TB Alliance per valutare ulteriormente i cicli di trattamento contenenti pretomanid per identificare future opzioni di cura più sicure.

“Il trattamento dell’XDR-TB è stato scadente fin da quando è stata scoperta questa forma della malattia – dichiara Jay Achar, specialista in malattie infettive e consulente medico di MSF per la TB – Poter accedere a regimi terapeutici efficaci darà alle persone la speranza di una cura e aiuterà a limitare la trasmissione di questi batteri mortali. Sebbene siano ancora necessari cicli di trattamento più sicuri e più semplici, la più breve durata di questo nuovo regime farmacologico è un passo importante che va nella giusta direzione”.

Di seguito una VIDEO-ANIMAZIONE che spiega cos’è la tubercolosi, come si prende, come si previene: https://youtu.be/ReadikQ1EAo

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>