Soluzioni avanzate di intelligenza artificiale, approvato progetto di ricerca in area pediatrica UniMessina

logo-universita-di-messina

intelligenza-artificiale-mano

Messina, 5 agosto 2019 – È stato approvato e finanziato su fondi Europei, con il supporto del Ministero dello Sviluppo e Regione Sicilia, il “Cloud platform for intelligent prevention and diagnosis supported by artificial intelligence solutions” (CADUCEO), un importante progetto di ricerca clinica ed innovazione tecnologica, coordinato dal prof. Claudio Romano, docente UniMe, Dipartimento di Patologia Umana e dell’Età Evolutiva.

CADUCEO implementerà una piattaforma cloud, che integri tecnologie e soluzioni avanzate di intelligenza artificiale, basate su approcci di Deep Learning, finalizzata ad una diagnostica “personalizzata”, “cognitiva” e “predittiva” della patologia gastroenterologica cronica del bambino. Molte patologie croniche ad insorgenza in età pediatrica, infatti, rappresentano un rischio per lo sviluppo di patologia oncologica nell’età adulta.

Il progetto, che vede come capofila l’Università di Messina, nello specifico l’Area Pediatrica, con la partnership dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e il partenariato di DIAG (Dipartimento di Informatica, Automatica e Gestionale “Antonio Ruberti”) dell’Università La Sapienza di Roma, e le aziende NEXERA (specializzata nello sviluppo di tecnologie nei comparti Sanità e Sicurezza) e TIM, società principale del Gruppo Telecom, è stato finanziato  nell’ambito del Macro-settore “Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) e Scienze della Vita, SN_B2 E-health, diagnostica avanzata, medical devices e mini invasività” (PON).

Il finanziamento previsto per UniMe, e sottoposto a negoziazione da parte del Ministero dello Sviluppo e della Regione Sicilia, è di 1.817.500,00 euro.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>