Sciopero generale dei lavoratori della sanità privata. Ugl: “Un calvario sociale, 14 anni senza contratto”

Dott. Gianluca Giuliano

Roma, 15 settembre 2020 – “Lo sciopero generale dei lavoratori della Sanità Privata Aiop-Aris è il segnale forte a difesa di chi non può più attendere passivamente ascoltando parole vane e facendo i conti con le promesse non mantenute. Manca la firma sotto il rinnovo contrattuale da 14 anni, un tempo lunghissimo, durante il quale questi operatori della sanità hanno continuato comunque a prestare il loro servizio, in condizioni spesso difficili, con professionalità e impegno. Il tempo però è scaduto. Si sciopera domani, mercoledì 16 settembre, e la protesta continuerà fino a quando i diritti e le tutele non saranno riconosciuti e adeguati”. Queste le parole del Segretario Nazionale della UGL Sanità Gianluca Giuliano in vista dello sciopero generale della Sanità Privata.

“Eravamo a un passo della firma del contratto dopo la ratifica della pre-intesa – prosegue il sindacalista – raggiunta faticosamente a giugno. Poi le parti datoriali hanno fatto marcia indietro adducendo la mancata deliberazione da parte di molte regioni dei provvedimenti normativi che consentirebbero la copertura del 50% del rinnovo del CCNL, così come stabilito dagli accordi raggiunti dalle OO.SS. in sede Ministeriale alla presenza della Conferenza Stato Regioni. Solo Veneto, Lombardia e Sicilia hanno, a oggi, mantenuto l’impegno. Alle altre abbiamo inoltrato una nota che richiama al senso di responsabilità per mettere la parola fine a questo calvario sociale. Tra queste la Regione Lazio dove, dalle 9 e fino alle 13, manifesteremo con un presidio. Bisogna arrivare presto a una soluzione per gli oltre 100.000 lavoratori che attendono il rinnovo contrattuale. Se questo non accadrà non fermeremo la nostra protesta”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *