Il robot neurochirurgico arriva all’Ospedale Pediatrico Meyer

logo-Fondazione-Meyer

8 febbraio – 1° marzo 2015

Campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45503 della Fondazione Meyer per sostenere il sistema robotizzato per curare i bambini con malattie cerebrali

MEYER - in sala con prof genitori e team_2Firenze, 10 febbraio 2015 – Il Meyer lancia una nuova sfida nella cura delle malattie cerebrali che colpiscono i bambini. E lo fa aprendo le sale operatorie al robot neurochirurgico, un sistema che consente di migliorare ulteriormente la qualità degli interventi di neurochirurgia, garantendo la massima sicurezza per i piccoli pazienti.

Il robot neurochirurgico è l’obiettivo della campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45503 della Fondazione Meyer a favore della Neurochirurgia dell’Ospedale pediatrico di Firenze, un Centro di riferimento nazionale per il trattamento e la cura di tutto lo spettro delle patologie di interesse neurochirurgico. Il nuovo sistema robotizzato permetterà di operare in abbinamento con le attuali strumentazioni come il neuronavigatore ed il casco stereotassico, migliorando le performance operatorie a sicuro vantaggio per il bambino. Il robot, proprio per la sua estrema precisione e versatilità nel calcolo delle traiettorie di ingresso al cervello, permetterà di ridurre di oltre il 50% il tempo chirurgico, riducendo anche la percentuale di complicanze, tra cui un minor rischio emorragico, una minore esposizione all’anestesia e una maggiore precisione del gesto chirurgico che si tradurrà nella riduzione complessiva del ricovero del piccolo paziente.

neurovigatoreVaste le applicazioni del robot neurochirurgico: tra queste segnaliamo la sua estrema utilità per le stereo EEG, una delle procedure alla base della chirurgia dell’epilessia complessa, le biopsie cerebrali di ogni tipologia di massa tumorale e non e la robotizzazione di alcune procedure endoscopiche per la cura di patologie quali l’idrocefalo, cisti intracerebrali, tumori intra e paraventricolari e malformazioni vascolari.

Per consentire l’acquisto di questo avanzatissimo robot per la Neurochirurgia pediatrica del Meyer dall’8 febbraio all’1 marzo la Fondazione Meyer lancia una campagna di raccolta fondi con SMS solidale al 45503. Con i fondi raccolti si sostiene l’acquisto di questo moderno sistema robotizzato per la cura dei bambini, che consoliderà il Meyer come avanzato centro chirurgico in Italia e nel mondo.

Numero di SMS solidale: 45503
Periodo: 8 febbraio-1° marzo 2015
Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile e CoopVoce e per ciascuna chiamata da rete fissa Vodafone, TeleTu e TWT. È di 2 o 5 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

_SLU3751StOKLa Neurochirurgia pediatrica del Meyer copre tutte le patologie cerebrali in età pediatrica, effettuando ogni anno circa 1.000 interventi e 1.300 ricoveri. Un bambino su 3 proviene da fuori Toscana. Tra gli ambiti della ricerca questo Centro nazionale è impegnato nello sviluppo della neuroendoscopia cerebrale, nelle tecniche endoscopiche che permettono di raggiungere, sfruttando le naturali cavità nasali, tutta la regione del basicranio e l’approccio mini invasivo a craniostenosi e malformazioni cranio facciali.

Ospedale pediatrico Meyer è una tra le più dinamiche realtà pediatriche italiane e internazionali. L’ospedale fiorentino dispone di 250 posti letto multi-specialistici ed è dotato di tutte le specialità mediche e chirurgiche di area pediatrica. L’ospedale registra inoltre 9 mila ricoveri l’anno, ai quali si aggiungono 8 mila interventi chirurgici, più di 7 mila prestazioni ambulatoriali e 40 mila prestazioni di Pronto Soccorso all’anno. Un bambino su 4 piccoli ricoverati proviene da fuori Toscana. Forte è l’impegno che l’AOU Meyer realizza in ambito scientifico: e lo fa investendo nei vari ambiti pediatrici, sostenendo i suoi giovani ricercatori premiando il merito e collaborando ai più avanzati e accreditati network internazionali. Molti i brevetti a firma Meyer.

Fondazione Meyer ONLUS
La Fondazione dell’Ospedale Pediatrico Meyer nasce come supporto all’attività di comunicazione, marketing e raccolta fondi per il Meyer, l’Ospedale dei Bambini che si trova a Firenze, punto di riferimento per la pediatria in tutta Europa per ricerca, per le metodologie innovative di cura e per l’accoglienza del bambino. L’Ospedale Pediatrico Meyer rappresenta un’eccellenza sanitaria e la Fondazione lo sostiene con azioni ad alto “valore aggiunto” che lo qualificano maggiormente sotto il profilo tecnico scientifico e lo rendono sempre più apprezzato e caro all’opinione pubblica.

www.meyer.it

_SLU4303St2Il robot neurochirurgico
Esistono patologie cerebrali per le quali è necessario raggiungere strutture anatomiche profonde, posizionare elettrodi intracerebrali per registrare reti neurali causa di crisi epilettiche famacoresistenti prima di procederne alla asportazione nella cura chirurgica dell’epilessia, oppure stimolare mediante correnti circuiti abnormi responsabili di malattie del movimento e di altri gravi disturbi neuropsichiatrici invalidanti.
Per ottenere la massima precisione e la massima sicurezza nell’evitare complicazioni emorragiche, e soprattutto per ottenere la minore invasività per i piccoli pazienti, la mano del chirurgo può essere guidata da una mano robotizzata grazie ad un sistema cibernetico che, sincronizzato sul cranio, localizza in sicurezza e rapidità le coordinate esatte degli obbiettivi raggiungibili attraverso piccole aperture del cranio. Chirurgia dell’epilessia, neuroendoscopia cerebrale, stimolazione cerebrale profonda (DBS), biopsie cerebrali, radioterapia intraoperatoria e brachiterapia, e in futuro trapianto di cellule staminali sono le procedure possibili con questo nuovo e moderno apparato.

fonte: ufficio stampa (foto di Stefano Lupi)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *