Il futuro del trapianto di rene e la medicina personalizzata. Convegno al Policlinico Gemelli

logo-gemelli-cattolica

medici-chirurghi-5

Roma,  27 settembre 2018 – “The future of renal transplantation: personalized medical care” è il convegno in programma  domani, venerdì 28 settembre, nell’aula Brasca della Fondazione Policlinico universitario Agostino  Gemelli IRCCS (ore 10-18) esperti nazionali e internazionali discuteranno le attuali possibilità della Medicina Personalizzata di ottimizzare la cura dei pazienti trapiantati, per migliorare ulteriormente il successo dei trapianti. Luci e ombre sui trapianti di rene, aspetti psicologici ed etici, linee guida, gestione della terapia immunosoppressiva post trapianto, donazione da vivente questi alcuni dei temi trattati nell’incontro.

Ad aprire i lavori Rocco Bellantone, Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica di Roma, seguiranno le relazioni di esperti etici, chirurghi e medici legali, moderatori dell’incontro Giovanni Gambaro, direttore dell’UOC di Nefrologia del Gemelli e Palo Menè dell’azienda ospedaliera Sant’Andrea, Franco Citterio, Direttore scientifico.

I trapianti sono certamente la disciplina medica che ha maggiormente contribuito alla crescita della conoscenza nel campo della chirurgia, dell’immunologia, della genetica e della farmacologia. Lo testimoniano i premi Nobel assegnati ai chirurghi Joseph Murray e Alexis Carrel, agli immunologi Peter Medawar e Frank Burnet, ai genetisti George Snell e Jean Dausset, alla farmacologa Gertrude Elion, tutti riconoscimenti correlati ai diversi aspetti del trapianto.

“Oggi – spiega Franco Citterio, direttore dell’UOC dei Trapianti di Rene della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – la terapia immunosoppressiva dopo il trapianto viene personalizzata nei singoli pazienti in base alla valutazione di studi clinici randomizzati, al controllo dei livelli ematici dei farmaci immunosoppressori e al nostro giudizio clinico. Viviamo in un’era di nanotecnologie, continua Citterio – di microarray genetici, di sequenziamento del DNA, di proteomica, di epigenetica, di microRNA e di microbioma. I dati raccolti attraverso queste metodiche possono indirizzare le nostre diagnosi precocemente e suggerirci con maggiore precisione la miglior terapia per ciascun singolo paziente con una ‘personalizzazione della cura’ guidata da biomarcatori, in una visione olistica del paziente”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *