Gli azzurri del Rugby in visita ai piccoli pazienti del Policlinico Gemelli

logo-gemelli-cattolica

nazionale-italiana-rugby-al-policlinico-gemelli-carnevale-2019

Roma, 6 marzo 2019 – Festa di Carnevale in azzurro per i bambini ricoverati nei reparti pediatrici della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS. Ieri pomeriggio i giocatori della Nazionale Italiana Rugby hanno fatto visita ai piccoli pazienti dell’UOC di Oncologia Pediatrica, diretta dal professor Antonio Ruggiero, e di Neurochirurgia Infantile, diretta dal professor Massimo Caldarelli.

I nazionali del rugby, che sfideranno sabato 9 marzo l’Inghilterra al Twickenham Stadium di Londra,  in questo ultimo giorno di Carnevale hanno portato doni e sorrisi ai piccoli ricoverati e alle loro famiglie, impegnati anch’essi nella loro ‘partita’ per la guarigione.

nazionale-italiana-rugby-al-policlinico-gemelli-2019

Gli atleti della nazionale Oliviero Fabiani e Cherif Traorè insieme ai dirigenti della Federazione Italiana Rugby sono stati accolti dal direttore medico Relazioni esterne ed Eventi della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS dott. Giorgio Meneschincheri.

Nel corso della visita, organizzata in collaborazione con l’associazione A.G.O.P. Onlus, gli azzurri del rugby si sono intrattenuti con i bimbi e ragazzi ricoverati e hanno donato loro il berretto blu a righe nere della Federazione Italiana Rugby, improvvisando qualche lancio di palla ovale con i piccoli pazienti.

La visita si inserisce nel consolidato rapporto di collaborazione tra la Federazione Italiana Rugby e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS per la gestione di tutte le attività mediche di emergenza sanitaria e di pronto soccorso a favore di pubblico, atleti, loro accompagnatori e del personale in servizio.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>