Giornata mondiale della prematurità, l’ospedale Cervello si tinge di viola

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

villa-sofia-cervello-6

Palermo, 16 novembre 2019 – L’ospedale Cervello si ‘tinge’ di viola. All’insegna dello slogan “Insieme per crescere”, l’Azienda Ospedali riuniti Villa Sofia Cervello aderisce infatti domenica 17 novembre alla Giornata mondiale della prematurità, appuntamento che ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei neonati prematuri che talvolta hanno problemi di salute o non sopravvivono. In Italia ogni anno i neonati pretermine rappresentano il 10% delle nascite totali.

La facciata principale e quella dell’edificio A del Presidio ospedaliero Cervello fino a domenica sera saranno illuminate di viola, il colore che accompagna l’iniziativa, promossa a livello aziendale dall’Unità operativa di terapia intensiva neonatale (Utin) e dall’Unità operativa di educazione alla salute (Uoepsa).

Oltre all’illuminazione della facciata, domenica 17 con inizio alle ore 10.00 nel reparto di terapia intensiva neonatale è previsto un incontro all’insegna della convivialità e della condivisione sui temi della prematurità. Dopo l’intervento di Monica Garaffa dell’Associazione “Arte di crescere”, sono previste testimonianze di ex prematuri e delle loro famiglie e momenti di intrattenimento curati dall’Associazione “Regalami un sorriso”.

“Accendiamo la luce – sottolinea il Direttore Generale Walter Messina – su una problematica di grande rilievo, sulla quale l’Azienda è assolutamente in prima linea, con le Unità operative di Ginecologia e Ostetricia e Terapia intensiva neonatale che svolgono un lavoro importante grazie a professionisti di grande valore”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *