Dai vaccini alle diagnosi di tumore, impatto del Covid-19 sui sistemi sanitari. Indagine OMS

Roma, 11 settembre 2020 – Dagli screening per il cancro alle terapie per l’HIV, passando attraverso le vaccinazioni. Il 90% dei Paesi segnala di aver avuto interruzioni dei servizi sanitari essenziali a seguito della pandemia da Sars-Cov-2. A rivelarlo è la prima indagine sull’impatto del Covid-19 sui sistemi sanitari, realizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

I dati raccolti da 105 Paesi nel periodo da marzo a giugno 2020 mostrano che quasi tutti hanno subito interruzioni dei propri servizi sanitari, anche se i Paesi a basso e medio reddito sono quelli che hanno segnalato le maggiori difficoltà.

“Il sondaggio mette in luce le crepe nei nostri sistemi sanitari, ma serve anche a progettare nuove strategie per migliorare la fornitura di assistenza sanitaria durante e dopo la pandemia”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale OMS.

Le aree più frequentemente interrotte includevano le vaccinazioni (70%), la diagnosi e cura di malattie non trasmissibili (69%) come quelle cardiovascolari, l’offerta della contraccezione (68%), le terapie per le malattie mentali (61%), la diagnosi e cura del cancro (55%). I Paesi hanno anche segnalato interruzioni nel trattamento della malaria (46%), nel rilevamento dei casi di tubercolosi (42%) e nel trattamento antiretrovirale (32%).

Non sono mancate interruzioni ai servizi di emergenza: come il pronto soccorso h24 (interrotti nel 22% dei Paesi), le trasfusioni di sangue urgenti (23%) e la chirurgia d’urgenza (19%). A pesare, la ridistribuzione del personale per fornire assistenza Covid-19, l’indisponibilità dei servizi a causa di chiusure e le interruzioni nella fornitura di attrezzature mediche e di prodotti sanitari.

“Il Covid-19 – ha concluso Ghebreyesus – dovrebbe essere una lezione per tutti i Paesi. Dobbiamo prepararci meglio per le emergenze, ma anche continuare a investire in sistemi sanitari che rispondano pienamente ai bisogni delle persone durante tutto il corso della vita”.

(fonte: AIOM News)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *