Comuni steroidi migliorano la sopravvivenza in pazienti gravemente malati di Covid-19. Scoperta dell’Università di Pittsburgh

Prof. Derek Angus, Chief Health Care Innovation Officer presso UPMC e Professore e Presidente del Dipartimento di Medicina Critica di Pittsburgh: “Questa è, sotto molti aspetti, la risposta più chiara che abbiamo avuto finora su come gestire i pazienti Covid-19 terribilmente malati”

Pittsburgh, 2 settembre 2020 – Un team internazionale guidato da medici-scienziati dell’UPMC e della Scuola di Medicina dell’Università di Pittsburgh ha messo in comune i dati di 121 ospedali in otto Paesi per scoprire che gli steroidi poco costosi e ampiamente disponibili migliorano le probabilità che i pazienti colpiti da Covid-19 sopravvivano alla malattia.

I risultati sono stati ottenuti attraverso lo studio “Randomized Embedded MultifactorialAdaptive Platform-Community Acquired Pneumonia” (REMAP-CAP) che include lo studio UPMC-REMAP-COVID19, l’unico basato negli Stati Uniti per testare i corticosteroidi – una classe di farmaci che abbassa l’infiammazione e modula l’attività del sistema immunitario – per il trattamento di pazienti con Covid-19 gravemente malati.

Tra marzo e giugno, lo studio REMAP-CAP ha randomizzato 403 pazienti adulti Covid-19 ammessi in terapia intensiva per ricevere l’idrocortisone steroideo o non steroiditrovando una probabilità del 93% che la somministrazione ai pazientidi un ciclo di sette giorni di idrocortisone per via endovenosa si traduca in risultati migliori rispetto alla non somministrazione. I risultati sono stati coerenti per età, razza e sesso.

“È relativamente raro in medicina che si trovino farmaci in cui l’evidenza della loro efficacia nel salvare vite umane sia così consistente – ha detto l’autore principale Derek Angus, M.D., M.P.H., ChiefHealthCare Innovation Officer presso UPMC e Professore e Presidente del Dipartimento di Medicina Critica di Pitt – Questa è, sotto molti aspetti, la risposta più chiara che abbiamo avuto finora su come gestire i pazienti COVID-19 terribilmente malati. Le persone sotto ventilatori o ossigeno e in terapia intensiva devono assolutamente ricevere corticosteroidi”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta aggiornando di conseguenza la sua guida al trattamento Covid-19.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *