Breast Unit per la cura del carcinoma mammario. Progetto innovativo del Policlinico San Donato

loghi-asst-mlegnano-e-martesana-policlinico-san-donato

donna-medico-mammografia

Milano, 5 giugno 2018 – Due Aziende, una pubblica e una privata accreditata, uniscono le proprie competenze ed esperienze per dare vita a un progetto innovativo, volto a migliorare il processo di cura del carcinoma mammario. Si tratta della nuova Breast Unit, realizzata e gestita dall’ASST Melegnano e della Martesana e dall’IRCCS Policlinico San Donato.

Entrambi gli ospedali, che rappresentano un punto di riferimento importante per i loro territori e per Milano, da anni hanno sviluppato al loro interno una competenza clinica significativa nella cura del carcinoma mammario: unire le forze significa soprattutto mantenere e migliorare ulteriormente l’offerta di cure per le donne, unificando il percorso diagnostico e terapeutico delle due strutture.

Il progetto prevede infatti che d’ora in poi gli specialisti dei due ospedali coinvolti (oncologi, radiologi, radioterapisti e chirurghi, psicologi, medici e professionisti della riabilitazione) lavorino insieme in un unico team multidisciplinare in grado di far fronte a tutte le esigenze cliniche della paziente affetta da carcinoma mammario.

Il nuovo approccio consentirà di ottimizzare le tempistiche di erogazione delle prestazioni diagnostiche e terapeutiche, con riduzione dei tempi di attesa, e di facilitare l’accesso delle pazienti ai servizi. Gli specialisti dei due ospedali imposteranno il percorso clinico della paziente attraverso una discussione multidisciplinare congiunta, che individua tutto il percorso diagnostico terapeutico e lo controlla nella sua evoluzione.

Il tutto sarà monitorato dall’ATS Città Metropolitana attraverso l’utilizzo di specifici indicatori, che forniranno informazioni precise sull’attività, per poter migliorare nel tempo l’efficacia e il funzionamento dei servizi.

“Siamo fieri di partecipare a questo progetto di prevenzione e cura, fondamentale per la città e per tutto il territorio dell’ATS di Milano – ha dichiarato Francesco Galli, amministratore delegato dell’IRCCS Policlinico San Donato­ Proprio la prevenzione prima e la migliore cura quando necessaria, unite con la ricerca scientifica, sono infatti i pilastri della nostra mission. Riteniamo che il progetto rappresenti un unicum nel panorama sanitario della nostra Regione: un’alleanza tra un ospedale pubblico e un IRCCS privato, uniti al solo scopo di perseguire il bene del paziente. Ci tengo a ringraziare i medici specialisti dei due ospedali per la dedizione, unita all’esperienza e alla grande competenza, con la quale si sono appassionati a questo progetto”.

“Questa iniziativa rappresenta uno straordinario esempio di rete e di presa in carico che coglie in pieno lo spirito della legge di evoluzione del sistema regionale lombardo – ha dichiarato Mario Alparone, direttore generale della ASST Melegnano e della Martesana – Fare squadra sul territorio attraverso la costituzione di un’équipe multidisciplinare con l’unico scopo di garantire alle pazienti il miglior percorso diagnostico- terapeutico e di migliorare l’accesso alle cure e la tempestività d’azione tra il momento della diagnosi e quella dell’intervento. La Breast Unit Interaziendale nasce dall’intenso rapporto di collaborazione professionale che hanno sviluppato i nostri medici che da anni lavorano insieme su diversi fronti”.

“Il miglioramento della qualità della vita delle pazienti rappresenta per tutti noi l’obiettivo primario – ha dichiarato Marco Bosio, direttore generale della ATS Città Metropolitana di Milano – Questa partnership è un esempio concreto di come esperienza, competenza e buona volontà, integrandosi, possano garantire la giusta risposta ai bisogni della popolazione del territorio. ATS, in conformità alla propria mission, si impegna a monitorare l’attività svolta per poter garantire una sempre maggiore efficacia ed efficienza dei servizi offerti”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>