Suicidi tra adolescenti, 4.000 ogni anno in Italia. Psichiatri poco attrezzati, servono centri dedicati

Lucca, 21 gennaio 2020 – “I dati parlano chiaro: il suicidio tra gli adolescenti è una vera e propria emergenza. Ma la psichiatria a riguardo è poco attrezzata”. È questo l’allarme lanciato dal prof. Armando Piccinni, presidente della Fondazione BRF – Istituto per la Ricerca in Neuroscienze e Psichiatria. Il tema è tornato d’attualità dopo il documentario “Come stanno i ragazzi” dei registi Alessandro Tosatto e Andrea Battistuzzi, i quali sono riusciti a scalfire il muro di silenzio che ruota attorno a tale fenomeno.

Prof. Amando Piccinni

“Sono 4mila i ragazzi e le ragazze che ogni anno, solo in Italia, decidono di togliersi la vita. Quello dell’adolescenza – spiega Piccinni – è un periodo profondamente delicato dell’esistenza umana, che fa da cerniera tra l’infanzia e l’età adulta. In una società in cui le famiglie diventano sempre più monadi e in cui spesso mancano esempi sani di riferimento e scale di priorità valoriali, altrettanto spesso si affermano modelli deviati e pericolosi, importati a volte dai social, che diventano un rischio concreto per chi vive una fase delicata della propria esistenza”.

“Tale situazione, nei casi più estremi e drammatici, può portare anche al suicidio. Parliamo di persone che, per via anche dell’ambiente sociale, familiare e culturale in cui vivono oppure perché caduti in depressione o ansia non gestibile, non hanno gli strumenti giusti e idonei per affrontare le sfide della vita. Noi come psichiatri siamo poco attrezzati: occorrerebbero – conclude Piccinni – maggiori investimenti e strutture specializzate. Servirebbero, dunque, psichiatri specialisti dell’adolescenza, con centri dedicati al trattamento dei nostri ragazzi più vulnerabili”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *