Settimana Mondiale della Tiroide. Al S. Anna di Cona venerdì 22 maggio sarà possibile farsi visitare gratuitamente

logo-aou-ferrara

Anche quest’anno, nel periodo dal 18 al 25 maggio 2015, si svolgeranno in tutta Italia attività e manifestazioni per celebrare la “Settimana Mondiale della Tiroide”

Ferrara, 15 maggio 2015 – Presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara nel Nuovo Polo Ospedaliero di Cona, la Sezione di Endocrinologia diretta dal prof. Ettore degli Uberti, intende aderire anche quest’anno a tale iniziativa patrocinata dalle principali Società Scientifiche, offrendo alla popolazione ferrarese l’apertura degli ambulatori endocrinologici (settore 1, corpo E, piano 1 – 1E1 – con accesso dal parcheggio 2, ingresso 2) nella giornata di venerdì 22 maggio 2015, dalle ore 15.00 alle ore 18.00 per visite gratuite che comprendono un colloquio informativo, un’anamnesi per lo screening delle malattie tiroidee, l’esame obiettivo del collo ed un’eventuale ecografia nei casi in cui fosse indicata.

L’accesso alle visite di screening è gratuito previa prenotazione telefonica ai numeri 0532/236425 e 0532/236059 dalle 8:30 alle 16:30, da lunedì 18 a giovedì 21 maggio 2015.
Il tema della manifestazione sarà: “Poco sale ma iodato: la prevenzione delle malattie tiroidee si fa mangiando sano”. Scopo dell’iniziativa è sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo all’azione preventiva della iodoprofilassi.
In occasione di tale iniziativa saranno illustrati il contenuto di una brochure divulgativa ed un questionario per la raccolta di informazioni in merito alla eventuale presenza di malattie tiroidee e al grado di conoscenza sulla importanza della iodoprofilassi.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *