Sepsi Run, corsa non competitiva per combattere la Sepsi

Azienda Ospedaliero-Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino

corsa-maratona-sportTorino, 22 settembre 2015 – Domenica 27 settembre 2015, in occasione della Giornata Mondiale della Sepsi 2015, si correrà la Sepsi Run, organizzata dalla Città della Salute di Torino ed in Particolare dalla Rianimazione universitaria dell’ospedale Molinette (diretta dal prof. Luca Brazzi).

Una corsa non competitiva nel Parco del Valentino. Si articolerà su un percorso di 7 km. Il ritrovo sarà in Viale delle Medaglie (Facoltà di Architettura) alle ore 9.30 con partenza alle ore 11.00. La quota di partecipazione sarà di euro 5e darà diritto al ritiro il giorno della gara di un pacco gara. Il ricavato verrà devoluto a favore della ricerca sulla Spesi. Le iscrizioni possono essere effettuate presso l’atrio centrale dell’ospedale Molinette dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 18 oppure telefonando al numero: 011 633551. Il motto sarà: “In corsa per fermare la Sepsi…e se non puoi correre cammina, l’importante è muoversi”.

In tutto il mondo nel medesimo giorno, o in giornate diverse durante il mese di settembre, ogni Nazione organizza un evento per ricordare e sensibilizzare la gente comune al problema della sepsi. Purtroppo questo problema rimane ancora sconosciuto a molti. Si tratta, infatti, di una condizione patologica, una sindrome, sostenuta da un’infezione che diventa generalizzata e può causare in alcuni casi gravi danni e la morte del paziente, ma se riconosciuta e curata in tempo può giungere a completa guarigione.

Il Comitato organizzatore ha pensato, insieme alla Città di Torino e all’Azienda “Città della salute e della Scienza”, di sensibilizzare la popolazione sul problema della sepsi passando attraverso lo sport.

Perché questo? Perché Torino è Città Europea dello Sport 2015 e perché un’atleta che è stata vittima di un problema infettivo che l’ha portata vicinissima alla morte, vuole tornare a correre. Si chiama Yulia Baykova, è un’atleta professionista di origine russa, che corre “trail” in montagna ed arriva a percorrere più di 100 km. È stata ricoverata presso la rianimazione della Città della Salute e della Scienza in seguito ad una banale influenza che è evoluta in sepsi e le ha fatto rischiare la vita. Dopo un periodo di riabilitazione è ritornata da allenarsi. È stata contattata e si è resa disponibile per fare da madrina dell’evento, per parlare anche di sport e di quanto è importante questa passione che le ha dato la forza di combattere e ripartire dopo un evento di salute così grave.

L’idea è di organizzare una giornata in cui è prevista una corsa non competitiva a scopo benefico, in cui Yulia parlerà della sua esperienza, ed una piccola tavola rotonda di esperti sarà a disposizione della popolazione che vorrà capire in modo più approfondito il problema, oltre alla distribuzione di materiale divulgativo.

Il percorso previsto per l’evento sportivo è all’interno del Parco del Valentino, con partenza nel tratto che si trova di fronte alla Facoltà di Architettura: si partirà dal Viale delle Medaglie, si procederà lungo tutto il fiume Po per circa 3,5 km, poi si attraverserà dall’altro lato del fiume passando sopra il Ponte Balbis senza attraversare la strada destinata alla viabilità e si proseguirà dall’altro lato sempre all’interno del Parco per poi rientrare dal ponte Umberto I e ritornare al punto di partenza.

Tutto il percorso si terrà su tratti pedonali, senza necessità di attraversamenti della strada destinata alla viabilità e senza attraversare aree verdi. Questo percorso è già stato utilizzato per altri eventi.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *