Neonata abbandonata in un cassonetto. Miracolosamente salva

logo-aou-senese

neonato-soloSiena, 20 marzo 2016 – È in buone condizioni di salute la neonata ritrovata in un cassonetto, in provincia di Siena, intorno alle 8.45 di oggi. La piccola è stata trasportata con l’elisoccorso del 118 ed è stata ricoverata con urgenza presso il Dipartimento Materno-Infantile, in Terapia Intensiva Neonatale, del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena per essere sottoposta a tutti gli accertamenti necessari.

In base alla ricostruzione fatta dai Carabinieri, intervenuti sul posto, la neonata è stata ritrovata in una scatola, dentro un cassonetto dell’immondizia, da una donna che era andata di buon mattino a buttare via i rifiuti. La signora, attirata dalla particolarità della scatola, l’ha aperta e ha trovato dentro la piccola. Ha poi avvisato una sua amica e insieme hanno chiamato 118 e Carabinieri, intervenuti con estrema rapidità.

“Si tratta di un piccolo miracolo – afferma emozionato Pierluigi Tosi, direttore generale AOU Senese – perché di lì a poco sarebbe passato il camion che raccoglie i rifiuti e per lei non ci sarebbe stato più nulla da fare. La piccola, che probabilmente sarà chiamata Claudia, pesa 2,880 kg e viene nutrita con il latte umano della nostra Banca del Latte”.

La neonata rimarrà ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale, diretto dalla dott.ssa Barbara Tommasini. Una vicenda che pone interrogativi cui si può dare soluzioni. “Partorire in ospedale e mantenere l’anonimato – aggiunge il prof. Felice Petraglia, direttore Dipartimento Materno-Infantile e del reparto di Ostetricia e Ginecologia – è possibile grazie al progetto ‘Mamma Segreta’, attivo in tutta la Toscana. La nostra regione ha infatti una grande tradizione di civiltà per tutelare al massimo la maternità e l’infanzia”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>