Nasce al Gemelli il primo sportello di assistenza telefonica alle pazienti del Centro Integrato di Senologia

logo-gemelli-cattolica

inaugurazione-sportello-assistenza-senologia-gemelli

Roma, 27 marzo 2019 – Prende il via nel Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS “l’Helpline Lucè”, il primo sportello di assistenza telefonica dedicato alle pazienti in cura nel Centro Integrato di Senologia del Gemelli.
Realizzato grazie a un accordo tra Fondazione Lucè e Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS in collaborazione con Komen Italia, lo sportello ha l’obiettivo di garantire alla paziente la continuità dell’assistenza fra ospedale e casa.

Si tratta di un servizio studiato in particolare per rispondere alle esigenze delle pazienti dopo la dimissione dall’ospedale ma che più in generale vuole garantire alle pazienti che ricevono una diagnosi di tumore del seno un contatto qualificato durante tutto il percorso di diagnosi e cura.

Gestito da infermiere professionali qualificate, lo sportello sarà in grado di rispondere alle richieste di informazioni e di supporto assistenziale (ad esempio l’interpretazione dei sintomi, la gestione delle complicanze o i semplici consigli pratici) e, ove necessario, di connettere  velocemente le pazienti con gli specialisti del team multidisciplinare del  Centro Integrato di Senologia (medici, psicologi, terapisti, etc.).

Il servizio è reso possibile grazie a una donazione della Fondazione Lucè, nata per promuovere iniziative atte a ridurre la sofferenza fisica e psicologica dei malati di tumore, migliorandone la qualità della vita e assicurando loro un’esistenza dignitosa.

“Lo scopo fondante espresso da chi volle creare la Fondazione Lucè è quello di migliorare la vita dei malati di cancro – ha dichiarato Laura Ruocco, Presidente della Fondazione Lucè – In questo scopo si colloca perfettamente l’assistenza in qualsiasi forma prestata ai malati dimessi dalle strutture sanitarie. Realizzare quindi un modello “ospedale-casa” ci trova impegnati con grande convinzione e sin dalla nostra origine abbiamo desiderato estendere questo modello alle realtà disponibili. Qui al Policlinico Gemelli riusciamo in questo intento grazie alla determinazione ed all’aiuto concreto dell’Area Donna e della Komen Italia”.

“L’avvio di questo servizio di assistenza telefonica per le donne affette da tumore al seno – ha dichiarato il Direttore Generale del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, professor Marco Elefanti – conferma il fatto che il nostro Policlinico si prende cura dei malati anche fuori dall’ospedale. Il Gemelli, tra i principali centri oncologici d’Italia, crede fortemente nell’importanza della continuità assistenziale ospedale-territorio e sta per questo sviluppando servizi che offrano ai malati, particolarmente quelli più fragili, e alle loro famiglie un costante riferimento per il buon fine delle cure”.

“La diagnosi di tumore del seno ha sempre un impatto importante nella vita privata e professionale delle donne – ha detto Riccardo Masetti, Presidente Komen Italia e Direttore del Centro Integrato di Senologia del Gemelli – Per garantire a queste donne cure di eccellenza è necessario accompagnarle lungo tutto il percorso terapeutico e assicurare un ascolto continuativo dei loro bisogni. Sono certo che la Helpline Lucé contribuirà in modo significativo a fortificare l’alleanza tra pazienti e personale sanitario e a rendere meno faticoso il confronto con la malattia”.

Contattando il numero 06-30156798, il personale infermieristico dell’Helpline, risponderà a quesiti di natura assistenziale o sanitaria. Il Servizio non permette di prenotare visite specialistiche o esami. Nel primo anno di avviamento dell’attività, il servizio sarà operativo dal lunedì al sabato, dalle 14.00 alle 15.30.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *