Inaugurato il nuovo Day Hospital di Neuropsichiatria Infantile dell’ospedale Regina Margherita di Torino

Torino, 10 dicembre 2019 – È stato inaugurato il nuovo Day Hospital di Neuropsichiatria Infantile dell’ospedale Regina Margherita della Città della Salute di Torino, diretto dal prof. Benedetto Vitiello. Avrà una funzione essenzialmente diagnostica, allo scopo di ridurre l’ospedalizzazione in casi affetti da patologie neurologiche e neuromuscolari.

È differenziato in due sezioni: l’area neurologica e l’area psichiatrica. I locali (studio per colloqui, sala medica, cucina, due aule scuola, sala giochi) sono stati arredati, sulla base delle esigenze dei ragazzi, delle loro famiglie e dei clinici, grazie al contributo di “Io sto col Regina Margherita” Onlus.

La configurazione attuale vede, nell’ambito di spazi  rinnovati ed arredati (circa 400 metri quadri), una duplice articolazione: DH neurologico, DH psichiatrico con una ulteriore specializzazione, ovvero il DH psichiatrico post-ricovero.

Negli ultimi anni si è assistito ad un progressivo e massiccio incremento degli accessi dei pazienti in DH che sono passati da circa 600 nel 2014, a 2.730 nel 2016 fino a 3.500 nel 2019. In particolare il trend di incremento della richiesta di cura è legato all’emergenza/urgenza nell’ambito della patologia psichiatrica dell’adolescenza, che ha coinvolto sia le strutture ospedaliere che quelle territoriali, con un importante abbassamento dell’età di esordio ed un drammatico ed esponenziale incremento della numerosità e della gravità della psicopatologia (circa 300 passaggi in DH Psichiatrico nel 2014 e 3100 passaggi nel 2019). È rimasta invariata la quota dei DH neurologici, con  un incremento di Day services per i bambini affetti da patologia neuromuscolare.

Si sottolinea che i dati quantitativi devono poter essere interpretati alla luce della qualità della molteplicità degli interventi offerti, in rapporto alla complessità clinica dei pazienti seguiti.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *