Ictus, i primi dieci anni del percorso diagnostico e terapeutico all’Aou Senese

logo-aou-senese

stroke-giuseppe-martini-e-rossana-tassi-aou-senese

Giuseppe Martini e Rossana Tassi

Siena, 17 settembre 2018 – I primi dieci anni di esperienza nella cura dell’ictus, tra analisi dei casi clinici specifici e confronto su percorsi diagnostici e terapeutici. Questi i temi principali del convegno “2008-2018: i primi dieci anni della Stroke Unit”, in programma venerdì 21 settembre, dalle 9 alle 17.30, al Centro didattico dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese.

Il percorso stroke è quel preciso iter multidisciplinare di diagnosi e presa in carico dei pazienti in caso in caso di sintomatologia neurologica acuta (ictus): una procedura tempo-dipendente, come la patologia in questione, in cui ogni passaggio deve essere ottimizzato in termini di risorse impiegate ed efficienza terapeutica.

Presenti all’appuntamento professionisti provenienti da tutte le Stroke unit della Toscana per un confronto costruttivo finalizzato a una maggiore efficienza e collaborazione per i servizi offerti ai pazienti.

“L’ictus è una patologia che, nel mondo occidentale, rappresenta la terza causa di morte, la seconda di demenza, la prima di invalidità – spiega il prof. Giuseppe Martini, direttore della Stroke Unit dell’Aou Senese – Per questo, il percorso stroke è stato studiato per portare il più rapidamente possibile in ospedale i pazienti con sintomatologia neurologica acuta. Il convegno rappresenta pertanto un momento importante di lavoro per una migliore collaborazione tra professionisti ed una maggiore efficienza dei servizi per l’ictus offerti ai pazienti”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>