Una migliore vita sessuale… tutta al femminile

belle-donne-ragazzePiù parlo con le mie pazienti e più mi rendo conto che le donne non sono solo interessate al sesso, ma ne sembrano piuttosto ossessionate. Molte ricerche rivelano che le donne sono insoddisfatte della loro vita sessuale e questa insoddisfazione si proietta anche nella vita relazionale. Ormai le donne hanno acquisito la parità, per non dire la superiorità rispetto agli uomini, e quindi tendono a rivendicare il loro diritto al piacere! Tuttavia, questa ossessione per il piacere e l’orgasmo spesso si scontra contro una certa latitanza del desiderio.

Tali problematiche legate al desiderio non sono da considerare come delle vere e proprie disfunzioni sessuali, ma rivelano chiaramente che vi è una mancanza di passione e intimità nella coppia. Per risolvere il problema della vita sessuale femminile non è sufficiente la “pillola rosa”, poiché per le donne non è sufficiente far affluire più sangue ai genitali per provare piacere… Le donne hanno bisogno di un certo coinvolgimento mentale ed emotivo, devono vivere anche solo per un istante una relazione.

Il primo passo per una migliore vita sessuale en rose è sicuramente quella di parlare dei propri desideri con il partner senza imbarazzo, ma in modo aperto, naturale e spontaneo. Quando in una coppia si parla di sesso apertamente, non solo si identificano gli eventuali problemi e soluzioni, ma si rafforzano anche i legami emotivi ed emozionali che facilitano il soddisfacimento sessuale.

Le donne dovrebbero imparare a dire al proprio partner come vogliono essere toccate, cosa procura loro piacere: questo è il modo migliore per espandere il repertorio del piacere dei sensi e per ritrovare la sessualità appagante. Vi è solo una difficoltà: non tutti gli uomini sono disposti ad ascoltare…!

A volte vi sono ragioni fisiche ed organiche che creano un peggioramento nella vita sessuale: endometriosi, infezioni vaginali, problemi alle vie urinarie, secchezza vaginale dopo il parto o nella menopausa, sono tutte cause possibili per una diminuzione del desiderio e del piacere. È sempre opportuno sottoporsi regolarmente a controlli ginecologici per verificare sempre lo stato dell’apparato sessuale, in quanto un corpo sano vive meglio la sua sessualità! Per il calo di desiderio durante la menopausa, la terapia ormonale sostitutiva sembra dare ottimi risultati, ma nulla è più utile del mantenere una vita sessuale regolare.

Se anche vi è un calo del desiderio, se anche il piacere non è ai livelli di un tempo, non bisogna allarmarsi… e nemmeno deprimersi!! Molte donne e molte coppie non hanno bisogno di pillole miracolose per riscoprire le gioie dell’eros, il desiderio sessuale è inevitabilmente legato allo stato di benessere, alla autostima, alla gioia di vivere, alla ricerca dell’intimità di coppia. Tutto questo lo si ritrova nella coppia, nell’intesa che si può stringere con il partner, NON in una pasticca o in un medicamento!

Marco Rossi

Marco Rossi

Specialista in Psichiatria. Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico. Presidente Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *