Terremoto, la solidarietà sanitaria delle Farmacie Comunali

logo-assofarm

Venanzio-Gizzi-Assofarm

Dott. Venanzio Gizzi

Roma, 26 agosto 2016 – Come per i tragici eventi dell’Aquila e dell’Emilia, anche oggi la rete italiana delle Farmacie Comunali si è immediatamente attivata per offrire il proprio sostegno alla macchina della solidarietà sanitaria che assiste le popolazioni colpite dal sisma dei giorni scorsi.

Le Farmacie Comunali di Pesaro hanno già avviato un’opera di donazione di farmaci di prima necessità (bende, garze, cerotti, integratori, sciroppi per la tosse etc.), così come le farmacie comunali AFAS di Perugia hanno immediatamente promosso un’iniziativa di raccolta farmaci presso la cittadinanza locale. Inoltre, da diverse parti d’Italia farmacisti dipendenti di farmacie comunali sono in procinto di partire volontari per le aree terremotate.

Parallelamente a queste singole iniziative, Assofarm ha sviluppato una strategia sistemica di azione raggiungendo un accordo organizzativo con la Croce Rossa Italiana. Tutte le farmacie comunali che intendono avviare un’azione di solidarietà a favore delle popolazioni colpite dal sisma possono contattare il Polo Logistico della Croce Rossa di Rieti, e da esso ricevere istruzioni sulle priorità d’azione.

“L’esperienza di catastrofi del recente passato ci ha insegnato che l’impegno dei nostri farmacisti e la solidarietà dei pazienti delle nostre farmacie sarà davvero tanta. Con questo progetto vogliamo per sviluppare fin da subito una forte coerenza tra farmaci raccolti e bisogni effettivi dal territorio terremotato. E ci ha veramente colpito ricevere un’immediata disponibilità di sostegno da parte dell’Unione Europea delle Farmacie Sociali”, ha concluso il presidente di Assofarm Venanzio Gizzi.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *