Medicina del territorio, Cricelli-SIMG: “No alla ‘sanatoria’, mortifica i medici già formati”

logo-simg-societa-italiana-di-medicina-generale-e-cure-primarie

dott-claudio-cricelli

Dott. Claudio Cricelli

Firenze, 12 ottobre 2018 – “Ci auguriamo, così come dichiarato dallo stesso Ministro della Salute Giulia Grillo, che la riunione con i sindacati abbia davvero permesso di ‘mettere a fuoco’ le problematiche della medicina del territorio. E pertanto permetta anche di intraprendere il giusto percorso per portarle a soluzione”.

A dirlo è Claudio Cricelli, presidente SIMG (Società italiana di medicina generale e delle cure primarie), all’indomani dell’incontro del ministro con i sindacati di giovedì 11 ottobre.

Per esempio, secondo il presidente SIMG, la prospettata “sanatoria” che permetterebbe di inserire nelle cure primarie migliaia di medici non specializzati in quest’area “penalizzerebbe i giovani medici che con sacrificio hanno intrapreso l’iter specialistico della Medicina generale. Con la conseguenza, tra l’altro, di dequalificare l’area della medicina territoriale”.

Il presidente Cricelli auspica quindi che “il ministro voglia ascoltare anche chi, come le Società scientifiche, ha per propria mission proprio la formazione, l’aggiornamento, la valorizzazione delle professionalità mediche e, nella fattispecie, la Società di medicina generale e delle cure primarie”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>