L’intimità di coppia va vissuta senza imbarazzi e tabù. I segreti per una intesa ‘bollente’

“Vorrei che la nostra coppia funzionasse, siamo spostati da alcuni anni e le cose non vanno più benissimo in camera da letto. Fra noi c’è molta complicità per quanto riguarda il lavoro, infatti abbiamo un negozio che gestiamo insieme e che ci permette di vivere agiatamente. Siamo in sintonia anche per l’educazione dei nostri figli, ma l’intesa intima non è delle migliori. Ci sono delle cose che una coppia dovrebbe fare per far funzionare l’intimità?”

Lei mi chiede se esiste un ‘segreto’ per un’intimità di coppia sempre bollente, nonostante gli anni che passano: in realtà esiste più di un segreto! Ci sono alcune cose, infatti, che ogni coppia dovrebbe fare nell’intimità, per migliorare non solo la sensualità e l’intesa, ma anche in generale la vita di coppia.

La prima cosa da fare è ‘sperimentare’, ossia cercare sempre stimoli nuovi e curiosi, bisogna quindi sperimentare per provare nuove sensazioni ed emozioni, senza essere bloccati dai timori e dai pregiudizi. Quando lei e suo marito iniziate a provare qualcosa di nuovo è importante che vi rilassiate e cerchiate di essere presenti a voi stessi. Provate e riprovate a vedere quali sensazioni vi regala una determinata esperienza intima, magari anche audace, l’importante è che vi permetta di aprirvi alle sensazioni e al piacere.

Dott. Marco Rossi

La seconda cosa da fare è prendere a turno l’iniziativa. Di solito, in tutte le coppie uno dei due ha più voglia di vivere l’intimità rispetto all’altro, è importante però prendere iniziativa a turno e non lasciar fare sempre tutto al partner. In questo modo ci si seduce reciprocamente e si dimostra interesse e attrazione mista a desiderio per il partner.

Un terzo consiglio è quello di andare a dormire insieme. Stare a letto con il partner a chiacchierare prima di dormire migliora l’intimità di coppia e stimola la voglia di vivere l’intimità. Questo non significa che poi si debba necessariamente dormire insieme, vi sono coppie che per la salute del sonno preferiscono camere separate, ma l’importante è condividere lo stesso letto per un po’ in modo da creare una atmosfera intima.

La quarta cosa da fare per la salute intima della coppia è di non mettere mai da parte l’intimità per mancanza di tempo o per dare la priorità al lavoro, né considerare i rapporti con il partner un ‘dovere’. Bisogna, invece, considerarli dei momenti di relax e di totale piacere. Quindi mettere sempre l’intimità nei primissimi posti della vostra agenda personale e di coppia!

Un altro aspetto importante, diciamo il sesto, è quello di  non considerare i film audaci una cosa sbagliata. Quando in un rapporto le cose audaci sono un problema, di solito non è la situazione audace in sé ad esserlo, quanto piuttosto la segretezza e morbosità che la circonda, per questo motivo è consigliabile guardare un film audace insieme al partner, per scoprire i gusti reciproci e per condividere l’eccitazione che ne può scaturire.

Anche parlare delle proprie fantasie intime può aiutare molto a creare una buona sintonia intima di coppia. Le ricordo anche che dormire nudi è un ottimo ‘afrodisiaco’. Stare nel letto nudi insieme, accresce l’eccitazione e le probabilità di condividere l’intimità.

Un altro aspetto fondamentale è parlare di cose intime senza tensioni: infatti parlare d’intimità con il partner è importante, ma va fatto in modo molto tranquillo e rilassato e soprattutto spontaneo. L’intimità va vissuta ed espressa senza imbarazzi e tabù.

Per ritrovare l’intesa intima è fondamentale non limitarsi alla intimità completa. Tale modo di vivere l’intimità è solo uno degli aspetti intimi. È importante anche condividere baci, carezze e coccole intime, magari anche il piacere solitario fatto insieme al partner.

Come detto prima, a volte gli impegni e il lavoro allontanano la coppia dalla passione, ecco perché è importante fissare un appuntamento. Avere rapporti intimi con regolarità è molto importante. Come riuscirci? Dandosi un appuntamento!

Marco Rossi

Marco Rossi

Specialista in Psichiatria. Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico. Presidente Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *