Il porno che piace alle donne

belle-donne-ragazzeL’interesse femminile per ciò che viene compreso nel termine “pornografia” è in notevole aumento. Un esempio pratico, semplice ma molto chiaro: oggi le donne, guardando un film hard, rivendicano il diritto di provare un proprio piacere.

Stiamo assistendo ad un fenomeno sempre più frequente nella popolazione femminile: le donne non escludono affatto l’idea, anche se solamente a livello di fantasia, di partecipare ad un film hard. Una tendenza che si deve non solo alla diffusione di film “a luci rosse”, ma anche ad iniziative impensabili fino a qualche anno fa. Basti pensare al Feminist Porn Awards, un festival porno, che si tiene in Canada, declinato proprio al femminile.

Il porno, quindi, non è più un tabù per il gentil sesso, anche se vi è un approccio diverso rispetto a quello degli uomini, e la differenza è fondamentale. Anche se non escludono a priori la pornografia realizzata dagli uomini, che è soprattutto focalizzata sui genitali e su una rappresentazione quasi “anatomica” dell’atto sessuale, le donne preferiscono in genere quello che io definisco “le tre R del Porno Femminile”: 1) Realismo, 2) Relazione coinvolgente, 3) eRotismo.

dott marco rossi foto autorizzata

Dott. Marco Rossi

In sostanza, le donne prediligono una rappresentazione fatta con i corpi, che consenta di raccontare storie coinvolgenti. Pensiamo al film “Ultimo tango a Parigi”: si tratta di una pellicola antesignana del porno al femminile (risale al 1972), dove l’erotismo è concentrato al massimo e dove i corpi sono il vero soggetto.

Per quanto riguarda il realismo: qui si assiste all’orgasmo, ma non simulato (come nei film che piacciono agli uomini), ma all’orgasmo nella sua espressione emotivamente e sensualmente reale. Per la relazione coinvolgente, chiunque abbia visto il film non può non ricordare l’enorme coinvolgimento che vivono i due protagonisti Marlon Brando e Maria Schneider.

I meccanismi che spingono una donna verso il porno sono: in primo luogo una buona dose di esibizionismo; alla donna piace essere ammirata e, di conseguenza, essere al centro delle fantasie maschili, come succede alle protagoniste di queste storie.
La maggiore libertà attuale consente, alle donne, di immaginare e fantasticare: su club privé, performance sessuali e, perché no, su rappresentazioni dal vivo di film pornografici che le vedono protagoniste. Consapevoli di questa capacità di piacere ed eccitare, le donne si sentono, e di fatto diventano, più forti.

Oggi, la versione più aggiornata dei porno è il selfie, gli autoscatti che rivelano, in modo femminile e ammiccante, dettagli del proprio corpo nudo, magari mentre si fa l’amore. Si tratta di un modo nuovo, per le donne, di approcciarsi alla pornografia.

Il mio consiglio è quello di vivere la sensualità senza tabù e di condividere con il partner l’eventuale predilezione per il porno, sempre che sia una fonte di passione e non diventi una sorta di “gabbia” in cui imprigionate il desiderio.

Marco Rossi

Marco Rossi

Specialista in Psichiatria. Psicoterapeuta, Sessuologo Clinico. Presidente Società Italiana di Sessuologia ed Educazione Sessuale

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>