La Sampdoria in visita all’Istituto Gaslini in occasione della Pasqua Blucerchiata

logo-gaslini

sampdoria-gaslini-pasqua-2017-4

Genova, 12 aprile 2017 – L’Ospedale Gaslini di Genova si è tinto di blucerchiato in occasione della visita di ieri pomeriggio della squadra dell’UC Sampdoria al completo.

Il presidente Massimo Ferrero, il direttore sportivo Carlo Osti, lo staff tecnico e i giocatori sono stati accolti dal presidente Pietro Pongiglione e dai direttori dell’Istituto G. Gaslini.

sampdoria-gaslini-pasqua-2017-2

“Tutte le domeniche scendiamo in campo ma non è paragonabile a questo. Sono grato di essere qui: i nostri ragazzi vengono qui con il cuore perché vogliono dare un messaggio di speranza ai bambini ricoverati al Gaslini, ciò mi rende orgoglioso. Siamo fortunati e se possiamo dare una parola, un segno di conforto, un esempio, lo facciamo tutti gli anni – grazie al presidente del Gaslini – e lo facciamo con il cuore” lo ha detto il presidente Massimo Ferrero durante la visita presso l’Aula Magna del Gaslini.

sampdoria-gaslini-pasqua-2017-1

La squadra ha portato uova blucerchiate ai piccoli pazienti dell’Ospedale riuniti in Aula Magna per la tradizionale Pasqua Blucerchiata regalando così un pomeriggio di spensieratezza e allegria insieme ai rappresentanti del Sampdoria Club G. Gaslini.

Il presidente Massimo Ferrero, il ds Carlo Osti, il responsabile area tecnica Daniele Pradè e l’allenatore Marco Giampaolo insieme a tutti i giocatori della Sampdoria, accompagnati dal presidente Pietro Pongiglione e dal direttore generale Paolo Petralia, hanno fatto visita anche ai piccoli pazienti ricoverati nei reparti di Ortopedia e Chirurgia.

sampdoria-gaslini-pasqua-2017-3

fonte: ufficio stampa (foto: Laboratorio Fotografico Gaslini)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>