Fase 2 Covid: nuovi scenari, cambiano le nostre abitudini. Vademecum degli Psicologi per genitori e figli

Milano, 19 maggio 2020 – L’Ordine degli Psicologi della Lombardia (OPL) ha pubblicato un vademecum per aiutare i genitori a vivere bene la fase 2 dell’emergenza Covid-19, con raccomandazioni e suggerimenti per chi ha figli da 0 a 10 anni.

Cinque sono le parole chiave da ricordare:

  1. SINTONIA con i bisogni emotivi dei figli.
  2. SPIEGAZIONE delle norme e dei divieti adatta alle diverse età.
  3. COINVOLGIMENTO nell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.
  4. RASSICURAZIONE di ansie e paure.
  5. NARRAZIONE chiara e costante di ciò che avviene intorno a loro.

“La seconda fase dell’emergenza apre a nuovi scenari che sottendono paure e timori tipici di un nuovo processo di adattamento. Seppur faticoso, l’isolamento e le restrizioni che lo determinavano sono diventati negli ultimi due mesi il contenitore delle angosce legate al virus e delle spinte verso il mondo esterno, faticosamente silenziabili. Ora che ci troviamo a fare i conti con un contenitore non più così definito, è necessario ripensare i nostri comportamenti e le nostre abitudini, sentire e riconoscere i vissuti e le emozioni che questi ulteriori cambiamenti generano. Ancor più come genitori si è chiamati a compiere questo processo per favorirne la comprensione e l’espressione nei più piccoli”, ha spiegato Gabriella Scaduto, esperta di diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia.

“Questo vademecum, frutto della collaborazione di OPL con il Comune di Milano, è un segnale forte dell’importante contributo che il lavoro psicologico può portare in questo complicato momento storico”, conclude Scaduto.

Ecco il vademecum:

Prosegue inoltre la campagna #LoPsicologoTiAiuta di OPL, con il filo diretto tel. 02 82396234, attivo tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00, che offre gratuitamente ascolto e supporto psicologico.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *