Carcinoma ovarico: target therapy, nuova frontiera nella terapia antitumorale

In un convegno a Benevento, esperti si confronteranno sulle nuove opportunità terapeutiche della neoplasia ginecologica a peggior prognosi. L’evento intende porre particolare attenzione sulle nuove conoscenze nel campo della biologia molecolare e sulle nuove terapie biologiche che consentono sempre più un trattamento personalizzato e potranno contribuire a migliorare il percorso di cura

donne

Benevento, 20 giugno 2017 – Il 27 giugno prenderà il via, a Benevento, l’evento accreditato presso il Ministero della Salute dal titolo: “Carcinoma ovarico: le nuove opportunità terapeutiche”, rivolto a medici chirurghi di tutte le discipline, a farmacisti e biologi. Responsabili scientifici dell’evento i dottori Antonio Febbraro, Direttore della UOC di Medicina ed Oncologia dell’Ospedale Fatebenefratelli di Benevento, e Sandro Pignata, Direttore UOC Oncologia Medica Uro-Ginecologica Responsabile Chemioterapia Day Hospital dell’Istituto Tumori di Napoli Fondazione Pascale. L’incontro si terrà presso l’Una Hotel Il Molino in via dei Mulini 48 a Benevento.

Il tema scelto è il Carcinoma Ovarico. La target therapy rappresenta la nuova frontiera nella terapia antitumorale con l’impiego di piccole molecole e anticorpi monoclonali diretti contro specifici bersagli molecolari. Questo trattamento ha l’obiettivo di bloccare la crescita tumorale ostacolando l’attività di specifiche molecole bersaglio necessarie per la carcinogenesi e la crescita tumorale piuttosto che interferire con le cellule in rapida divisione sia neoplastiche sia normali.

Il convegno si propone di fare il punto sulle attuali innovazioni terapeutiche legate alla target therapy nel trattamento del tumore della mammella e dell’ovaio.
Nel mondo occidentale il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente delle donne e costituisce la prima causa di morte per tumore nel sesso femminile.

Il carcinoma ovarico costituisce la neoplasia ginecologica a peggior prognosi. Il convegno intende porre particolare attenzione sulle nuove conoscenze nel campo della biologia molecolare e sulle nuove terapie biologiche che consentono sempre più un trattamento personalizzato e potranno contribuire a migliorare il percorso di cura.

Obiettivi formativi: fornire ai partecipanti le conoscenze sulle terapie più innovative; effettuare un’analisi dei processi e delle norme che regolano l’accesso alle terapie; favorire l’interazione tra gli attori del processo assistenziale.

Il convegno avrà inizio il 27 giugno, alle 8.30, con i saluti e la presentazione del programma da parte dei Responsabili scientifici. Dopo i saluti, toccherà ai due moderatori Antonio Febbraro e Giovanni Pietro Ianniello, Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi di Benevento, introdurre la prima sessione. L’evento terminerà alle ore 14.30.

La partecipazione al corso dà diritto a 5 crediti formativi. E’ possibile iscriversi, previa disponibilità dei posti, rivolgendosi alla segreteria organizzativa curata dall’agenzia Beneventi – eventi&congressi, scrivendo a segreteriabeneventi@virgilio.it o chiamando lo 0824 50631.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>