“STARE vicino a chi vive il dolore di una perdita”, ciclo di incontri organizzato a Firenze dalla Fondazione Italiana di Leniterapia

logo FILE

Primo incontro venerdì 16 gennaio 2015, ore 17, Auditorium dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze – Via Folco Portinari 5r, Firenze

FILEFirenze, 8 gennaio 2015 – Sulla scia del ciclo di incontri “Bambini e adolescenti a confronto con la perdita”, realizzati nei primi cinque mesi del 2014 con largo successo di pubblico, FILE – Fondazione Italiana di Leniterapia Onlus – propone, dal 16 gennaio al 15 maggio 2015, un nuovo ciclo di incontri che richiama i princìpi sui quali fonda la propria etica di volontariato in Leniterapia e che si sintetizzano nell’acronimo STARE (Solidarietà, Tempo, Ascolto, Rispetto, Empatia).

Il primo incontro in programma, dal titolo “Il rapporto paritetico basato sul rispetto, principio fondante di ogni comunità”, è previsto per venerdì 16 gennaio e sarà curato dal professor Ivan Cavicchi, docente di sociologia sanitaria all’Università Tor Vergata di Roma.

STARE vicino a chi, malato, si trova a vivere l’ultima fase della propria vita costituisce l’obiettivo del volontariato rappresentato da FILE, nella garanzia di un ascolto empatico, di un’attenzione alle sue esigenze e ai suoi desideri, di un tempo idoneo ad una relazione autentica e del rispetto alla sua dignità come persona.

Questo impegno si prolunga anche nello STARE vicino a chi vive il dolore di una perdita ed è quindi alla ricerca di un sostegno nell’attraversare le fasi del lutto. Tale aiuto si realizza sia attraverso incontri con genitori, studenti e docenti nelle scuole, sia attraverso i gruppi di auto mutuo aiuto e la consulenza psicologica gratuita, tutti servizi offerti da FILE.

Riflettere insieme su cinque elementi che caratterizzano il saper STARE vicino a chi soffre può costituire un fattore di coesione per rendere la nostra comunità più accogliente e solidale di fronte alla solitudine generata dal dolore.

Di seguito è possibile prendere visione del programma degli incontri:

1° INCONTRO: S come SOLIDARIETÁ
Venerdì 16 gennaio 2015, ore 17
Il rapporto paritetico basato sul rispetto, principio fondante di ogni comunità
Relatore: prof. Ivan Cavicchi, Docente di sociologia sanitaria, Università Tor Vergata, Roma

2° INCONTRO: T come TEMPO
Venerdì 20 febbraio 2015, ore 17
Il tempo della relazione come lenimento alla sofferenza nella malattia e nel lutto
Relatore: dr. Luciano Orsi, Direttore Unità di Cure Palliative, ASL di Mantova

3° INCONTRO: A come ASCOLTO
Venerdì 20 marzo 2015, ore 17
Attenzione al dolore dell’altro e accoglienza delle sue esigenze
Relatore: Padre Bernardo Gianni, Priore della Basilica di S. Miniato al Monte, Firenze

4° INCONTRO: R come RISPETTO
Venerdì 17 aprile 2015, ore 17
Sentire e riconoscere la dignità dell’altro nella relazione
Relatore: dr. Alfredo Zuppiroli, Cardiologo, Già Presidente della Commissione di Bioetica della Regione Toscana

5° INCONTRO: E come EMPATIA
Venerdì 15 maggio 2015, ore 17
Capacità di costruire una relazione di aiuto comprendendo intimamente il vissuto dell’altro
Relatrice: dr.ssa Claudia Borreani, Psicologa, Direttore Istituto Nazionale Tumori, Milano

Presenta gli incontri Donatella Carmi, Presidente di FILE, e modera Mariella Orsi, Sociologa e Coordinatrice del Comitato Scientifico di FILE.

FILE, ente non profit attivo dal 2002 nell’ambito delle cure palliative, svolge il delicato compito di aiutare i malati gravi a non soffrire, offrendo loro la possibilità di affrontare con maggiori dignità e serenità l’ultimo periodo della vita e affiancando le famiglie nel percorso di elaborazione delle perdite.

Per informazioni e adesioni (ingresso libero): 055.2001212 – file@leniterapia.itwww.leniterapia.it

Si allega di seguito la brochure dell’evento:

brochure progetto incontri con la città

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *