Violenza sugli operatori sanitari. OMCeO Torino intende rafforzare il suo impegno

logo-omceo-torino

Torino, 22 settembre 2017 – Ennesimo gravissimo caso di violenza a Catania. Ancora violenza contro medici e professionisti della sanità, contro le donne. L’Ordine di Torino esprime innanzitutto solidarietà e vicinanza alla dottoressa che è stata aggredita durante la guardia medica e ai molti altri colleghi vittime di violenza.

L’OMCeO di Torino da molti anni organizza e promuove – insieme alla sua commissione Pari Opportunità – convegni e occasioni di confronto sul tema del contrasto alla violenza, in particolare quella rivolta alle donne, con la partecipazione e la collaborazione di Istituzioni e Forze dell’Ordine. Ma è adesso il momento di andare oltre e mettere in campo concrete azioni di tutela delle colleghe e dei colleghi nello svolgimento del loro lavoro. È un grido – quello degli operatori sanitari e in particolare le donne che sono le più esposte al pericolo – che non possiamo non accogliere in tutta la sua drammaticità.

E dunque proponiamo che, d’intesa con la Regione, le Aziende sanitarie ed ospedaliere, i Presidi pubblici e privati, si concretizzino iniziative coordinate ed efficaci ad assicurare condizioni di lavoro idonee a garantire protezione contro ogni violenza.

Ma bisogna lavorare sul campo anche insieme ai cittadini per recuperare le basi di una cultura della sicurezza – e della tutela della salute pubblica – che si può ricostruire solo facendo rete e proteggendo quel patto di fiducia tra operatori e pazienti che rischia di essere minato da paura e angoscia.

L’Ordine di Torino intende rafforzare il suo impegno da subito per progettare azioni concrete: tutelare il rapporto di cura e la sicurezza dei suoi operatori è uno dei nostri obiettivi – afferma il Presidente dell’OMCeO di Torino dott. Guido Giustetto.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>