Tumore del pancreas, il Policlinico Umberto I aderisce alla Giornata mondiale

logo-policlinico-umberto-i-roma-2

Prof. Andrea Lenzi: “Migliorare il livello di consapevolezza dell’opinione pubblica e delle Istituzioni su questa neoplasia è fondamentale, ma anche investire risorse per la ricerca che permetta di caratterizzare precocemente la natura neuroendocrina del tumore pancreatico”

prof-andrea-lenzi-3

Prof. Andrea Lenzi

Roma, 15 novembre 2018 – Nel mondo, negli ultimi dieci anni, i nuovi casi di tumore pancreatico sono più che raddoppiati e quelli di natura neuroendocrina rappresentano circa il 10%. Purtroppo, per le caratteristiche subdole dei sintomi, degli esami laboratoristici, ecografici e radiologici la diagnosi arriva in ritardo troppo spesso.

La ‘Unit NETTARE’ (NeuroEndocrineTAskfoRcE) Policlinico Umberto I – “Sapienza” Università di Roma che nei primi due anni di attività ha condiviso più di 70 casi, di cui il 30% di origine pancreatica,aderisce alla V Giornata Mondiale sul Tumore del Pancreas, per porre all’attenzione dell’opinione pubblica e delle Istituzioni l’importanza che riveste la diagnosi precoce e sulla necessità di un maggior impegno per la prevenzione e la ricerca scientifica.

Per il prof. Andrea Lenzi, Direttore della Sezione di Fisiopatologia Medica ed Endocrinologia del Dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e Responsabile dell’Unità multidisciplinare NETTARE, “migliorare il livello di consapevolezza dell’opinione pubblica e delle Istituzioni su questa neoplasia è fondamentale, ma anche investire risorse per la ricerca che permetta di caratterizzare precocemente la natura neuroendocrina del tumore pancreatico, per migliorarne l’inquadramento diagnostico e la gestione terapeutica”.

Anche se il tumore, in generale fa paura, “è necessario sfatare l’atteggiamento nichilista che c’è nei confronti di questo tumore – ha affermato il prof. Piero Chirletti, Direttore della UOC Chirurgia Generale e Malattie del Pancreas del Policlinico Umberto I di Roma – che, a differenza di quanto si possa pensare, oggi è curabile in una buona percentuale rispetto al passato. Purtroppo, è una patologia che sfugge ancora a tantissimi medici. Se si considera che in tutta l’Europa, ancora il 64% della popolazione europea non è bene informata sul tumore del pancreas. Ritengo che sia necessario investire molto di più nella ricerca, nella cura e nella tecnologia per il trattamento di questo tipo di tumori. Nel Policlinico Umberto I questo si sta facendo”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *