Sindrome di Rett, importante riconoscimento per il team di ricerca dell’AOU Senese

logo-aou-senese

joussef-hayek-aou-senese

Dott. Youssef Hayek

Siena, 8 agosto 2016 – Il team di ricerca sulla sindrome di Rett dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese ha ottenuto un nuovo riconoscimento. È stato pubblicato sulla rivista statunitense Microbiome un lavoro scientifico sulla alterazione del microbioma intestinale, in collaborazione con l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi, l’Università di Trento e la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige.

“La scoperta di un dismicrobismo – spiega Youssef Hayek, direttore della Neuropsichiatria Infantile dell’AOU Senese – può spiegare il processo infiammatorio, che continuiamo a vedere ripetutamente nella sindrome di Rett, e la stipsi ostinata, che aggrava il quadro clinico”.

Nel dettaglio è stata studiata la flora batterica intestinale delle pazienti affette da sindrome di Rett, ed è emersa un’importante alterazione della popolazione microbica intestinale formata da miliardi di batteri e funghi, indicando l’importanza che questa alterazione ha sull’asse intestino-cervello con infiammazione cronica, disregolazione dell’immunità e alterazione funzionale intestinale.

“Il lavoro pubblicato – aggiunge il neonatologo Claudio De Felice – è unico nel suo genere, grazie all’impiego di tecniche molecolari di avanguardia. La scoperta può portare ad una terapia complementare probiotica in grado di migliorare la qualità della vita delle piccoli pazienti”.

Per l’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese ha partecipato allo studio anche la dott.ssa Silvia Leoncini.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *