Midollo, Emilia-Romagna prima in Italia per nuovi donatori

loghi-policlinico-sant-orsola-admo-emilia-romagna

In un anno ADMO Emilia-Romagna ha reclutato 5.090 nuovi donatori, il 70% dei quali tra i 18 e i 25 anni. I dati diffusi a margine dell’Assemblea annuale dei soci al Sant’Orsola

coppia-ragazzi-amoreBologna, 9 maggio 2016 – Emilia-Romagna prima tra le regioni italiane per numero di nuovi donatori di midollo osseo. Gli ‘arruolati’ nel 2015 sono stati, infatti, ben 5.090. E l’età media è davvero bassa: il 70% degli iscritti nel registro regionale ha tra i 18 e i 25 anni. I dati sono stati diffusi nel corso dell’assemblea dei soci di ADMO Emilia-Romagna, l’associazione che ha sede presso il Policlinico bolognese e che si appoggia all’Immunogenetica del Sant’Orsola per gli esami ai donatori.

L’aumento dei donatori è stato provocato principalmente dalle tante iniziative di sensibilizzazione e reclutamento che ADMO Emilia-Romagna ha realizzato tra i giovani, in particolare all’Università, adottando anche modalità innovative. “Per rendere il percorso più snello e aumentare la nostra capacità di intervento – ha spiegato la presidente Rita Malavolta – raccolta la disponibilità dei potenziali donatori, abbiamo scelto di fare i test su campioni salivari”.

Questa modalità è stata utilizzata per ben 3.398 nuovi donatori, il 67% dei nuovi reclutati. Ma per ridurre i tempi di inserimento effettivo nel Registro nazionale è stata assunta anche un’altra decisione: “D’intesa con la Regione – prosegue Rita Malavolta – sono stati progressivamente concentrati gli esami nel laboratorio del Sant’Orsola, tagliando sia i tempi sia i costi per ogni singolo test. Nella collaborazione che abbiamo sperimentato qui troviamo grandi opportunità di crescita”.

“Questi risultati – ha spiegato il direttore generale del Policlinico Mario Cavalli – sono il riconoscimento del grande lavoro compiuto dai volontari e della collaborazione che si è instaurata in questi anni con noi e con tutte le istituzioni interessate”. Parole di apprezzamento per la collaborazione che si è instaurata anche da parte del presidente della Regione Stefano Bonaccini: “Presto sottoscriveremo – ha spiegato intervenendo all’Assemblea – la convezione tra ADMO e Regione, che sarà accompagnata da una riorganizzazione del sistema finalizzata ad aumentare l’efficienza del sistema stesso e l’eliminazione delle liste d’attesa”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>